Robert Fico a Kiev: la Slovacchia non darà armi all’Ucraina

fico-yatsenuk_ucraina

Il Premier Robert Fico era venerdì a Kiev per colloqui con il presidente Petro Porosenko e il Premier Arseniy Yatsenuk. In quella occasione il Primo ministro slovacco ha detto senza esitazioni che il governo slovacco rifiuta qualsiasi soluzione al conflitto con la forza, e che la Slovacchia non fornirà armi all’Ucraina, in quanto questo atto andrebbe nella direzione contraria alla pacificazione del paese e dell’intera regione. E il suo governo crede che l’accordo di pace di Minsk sia, ha detto al suo omologo ucraino, l’unica base di lavoro per una soluzione del conflitto.

Tutto quello che possiamo offrire, ha ribadito Fico, è il sostegno con aiuti umanitari, oltre a un’assistenza nel processo di trasformazione democratica del paese, facendo buon uso della fresca esperienza di Bratislava. Infine, ha aggiunto, possiamo fornire borse di studio agli studenti ucraini.

Fico, che era accompagnato da due dei suoi ministri (Lajcak, Esteri, e Pavlis, Economia), ha espresso speranza per l’iniziativa franco-tedesca nel tentare ancora una volta di portare i due contendenti – lo Stato ucraino e gli indipendentisti – al tavolo dei negoziati, sperando nella benedizione di Putin [quel giorno stesso si teneva la visita al Cremlino di Merkel e Hollande – ndr]. Yatsenyuk ha sottolineato che la pace in Europa dipende dalla pace in Ucraina. Che può essere ottenuta solo se l’Ucraina si difende, ha detto, rifiutando tuttavia una soluzione militare del conflitto armato in Donbas.

Nel corso della visita sono stati firmati due accordi intergovernativi tra la Slovacchia e l’Ucraina: il primo in materia di passaggi di frontiera e il secondo sul trasporto ferroviario attraverso le frontiere, entrambi utili a semplificare la cooperazione transfrontaliera tra i due paesi, ha commentato il Premier ucraino. I due hanno confermato la volontà di tenere una sessione di governo congiunta in una località di confine della Slovacchia orientale, cosa già decisa da tempo ma non ancora realizzata per un cambio di programma del governo di Kiev, e trasformatasi nella visita di venerdì. La miglior risposta a questa crisi, ha detto Fico, è una Ucraina «prospera e affermata”.

Quanto alla questione energetica, i due partner hanno concordato sull’importanza della Slovacchia come partner dell’Ucraina grazie alle forniture di gas in reverse flow avviate lo scorso settembre. La Slovacchia, ha detto Fico, è pronta ad aumentare la fornitura di gas all’Ucraina, a un prezzo migliore di quanto offerto a Kiev dal fornitore russo Gazprom, da 10 a 14,5 miliardi di m3 di gas annui, in linea con il progetto inaugurato pochi mesi fa.

Robert Fico ha assicurato, parlando al Presidente Poroshenko, di sostenere il desiderio dell’Ucraina di entrare nell’Unione europea.

(La Redazione)

Foto: Governo ucraino – ww.kmu.gov.ua

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.