Del come l’economia ha esautorato la democrazia facendo da paravento per le politiche del rigore

finanz_(pixabay-77253)

Partiamo dalla più banale delle constatazioni: nel corso degli ultimi tre decenni l’economia ha assunto un peso sempre più preponderante nella vita politica, divenendo, tra reagan-tatcherismo e neoliberismo, giustificazione primaria per una certa condotta della res publica. Più paradossalmente, tale tendenza ha assunto caratteri d’urgenza a partire dal 2008, proprio quando lo scoppio delle crisi economiche recenti (uso il plurale perché distinte le fasi, la geografia e gli agenti della crisi globale) avrebbe dovuto porre come primo quesito il ripensamento di determinate scuole economiche piuttosto che delle politiche statali.

L’economia come scienza

Eppure, se è stato l’eccesso di positivismo rispetto al sapere (e saper fare) economico a primeggiare sulla centralità della disciplina politica, ovvero ritenere l’economia scienza dura e non disciplina sociale (e gli economisti scienziati sociali), il persistere ancora su tale pericolosa confusione appare solo come una premeditata e strumentale esautorazione della disciplina politica a favore della disciplina economica.

Continua a leggere su EastJournal.net.

Foto Geralt 

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google