RS – Il Nazareno in cocci | Battaglia in FI, Berlusconi delegittimato | BCE, stop fondi alla Grecia | Isis, la vendetta giordana

rassegna rsrs

Le prime pagine di oggi, giovedì 5 febbraio 2015

La rottura del Patto del Nazareno tiene banco su ogni singola prima pagina dei quotidiani in edicola oggi. Inevitabile dal momento che la crisi di Forza Italia potrebbe avere conseguenze imprevedibili sulla tenuta del governo (che ostenta sicurezza), costretto ora a trovare i voti per le riforme all’interno della sua minoranza. Tra le altre notizie che trovano spazio in prima pagina, la Bce che sospende i finanziamenti alla Grecia, la vendetta della Giordania nei confronti dello Stato Islamico e, inevitabile, la grande attesa per l’ondata di maltempo che dovrebbe scatenarsi nella giornata di oggi.

La sintesi più rapida è quella del titolo del Corriere della Sera: “Forza Italia nel caos: patto rotto”; su Repubblica, il titolo include anche la risposta del premier: “Caos Forza Italia: addio patto. Renzi: andiamo avanti da soli”. Su La Stampa una versione leggermente diversa: “Salta il patto per le riforme. Il Pd a Berlusconi: meglio così”. Più interessante, ovviamente, vedere i titoli dei quotidiani d’area centrodestra, che sembrano tirare un grosso sospiro di sollievo. Per Libero: “Renzi il bullo non sta più sereno. Sepolto il patto del Nazareno”. Mentre il Giornale festeggia con un grande “Liberi tutti”.

 Altri quotidiani (pochi) preferiscono aprire con la pesante decisione della Bce, come il Sole 24 Ore: “Stop di Bce e Berlino al piano di Tsipras”; stesso argomento per il Messaggero: “Bce taglia i fondi alla Grecia”. A dare spazio a quanto avviene in Medio Oriente, invece, sono Avvenire (“Vendetta contro barbarie”) e il Manifesto, che parla di “Vendetta reale”.

Rassegna quotidiana dai giornali italiani. Dai siti Blogo News e Giornali24.it.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.