Ogm, in Europa colture biotech in calo del 3%

alimentazione_(foto_pictoscribe_382124496@flickr)

L’Europa non ama gli OGM. Nell’ultimo anno, nei Paesi dell’Unione Europea in cui le produzioni sono ammesse dalle leggi nazionali, sono calati del 3% i terreni coltivati con semine biotech. A dimostrarlo sono i dati del rapporto annuale dell’International service for the acquisition of agri-biotech applications (Isaaa).

Un dato in controtendenza rispetto a quello che riguarda il resto del mondo, dove le semine biotech sono in crescita benché siano soltanto 28 i Paesi in cui gli OGM possono essere prodotti, per un totale di 181 milioni di ettari di terreno.

In Europa, invece, sono solo 5 gli Stati in cui è possibile utilizzare le semine biotech: in particolare la legislazione europea prevede l’impiego esclusivo del mais MON810 della Monsanto. È la Spagna a farla da padrone nel settore: lì viene coltivato il 92% del mais biotech, pari 131.538 ettari, mentre la parte restante è divisa tra Portogallo, Romania, Slovacchia e Repubblica Ceca.

Prosegui la lettura su GreenStyle.it.

Foto Pictoscribe CC-BY-NC-ND

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*