Un nuovo timoniere in Slovenské Elektrárne: parte D’Agnese, arriva Cotugno

Cotugno-Slovenske-elek

Venerdì 30 gennaio il Cda di Slovenské Elektrárne (SE) ha nominato Nicola Cotugno nuovo direttore generale della società, della quale era già Chief Operations Officer, nonché membro del consiglio. L’italiano dunque, che proviene dalle fila di Enel, non è una faccia nuova nemmeno per il governo slovacco, azionista di minoranza della società (34%), avendo lavorato in Slovacchia fin dall’acquisizione della maggioranza da parte del gruppo Enel. Dopo la nomina, Cotugno si è detto «molto contento di assumere questo nuovo ruolo», per il quale conta di far leva sulla sua pluriennale esperienza in SE nella gestione delle vendite e delle operazioni. «Continuerò lungo il percorso già stabilito, con l’impegno a conseguire gli obiettivi SE nei settori della produzione di energia elettrica e di vendita, sviluppo di progetti innovativi, così come il completamento della centrale di Mochovce», ha affermato.

Slovenské Elektrárne, che è il produttore dominante di energia elettrica in Slovacchia (fornisce circa l’80% del fabbisogno) e il secondo in ordine di grandezza nell’Europa centro-orientale, vedrà Cotugno prendere la direzione il 7 febbraio, mentre nel frattempo D’Agnese è stato promosso, ad appena 7 mesi dal suo arrivo a Bratislava, a capo delle operazioni di Enel in America Latina.

Nicola Cotugno, ingegnere meccanico laureato alla Sapienza di Roma, si è specializzato in business presso l’università INSEAD di Parigi. Già Chief Operation Officer di SE, Cotugno è stato responsabile per la gestione del dipartimento generazione ed energia, portando la società alla produzione di oltre 5,7 GW complessivi. In precedenza, Cotugno è stato per 6 anni responsabile per la gestione dell’energia e lo sviluppo del business al dettaglio di SE. Prima di venire in Slovacchia, Cotugno ha ricoperto tra il 2000 e il 2007 diversi incarichi sia nel settore della gestione energetica che nella generazione all’interno del Gruppo Enel in Italia e Spagna. È inoltre membro del Cda in EURELECTRIC, l’Associazione europea delle aziende elettriche.

A seguito dell’avvicendamento, il Consiglio di amministrazione ha convocato una assemblea generale straordinaria della società per il 5 marzo, nella quale sarà decisa la figura del presidente del Cda, fino a venerdì coperta dallo stesso dimissionario D’Agnese. A sostituire quest’ultimo come capo delle operazioni di Enel in Europa centro-orientale è stato nel frattempo nominato Roberto Deambrogio, già responsabile per il gruppo italiano delle energie rinnovabili nella regione.

(La Redazione)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.