A Bratislava la magia di un jazzman italiano di rango: Kekko Fornarelli Trio al Babylon

kekkofornarelli

Sarà a Bratislava il 3 febbraio, nell’ambito del suo tour europeo, il jazzista italiano Kekko Fornarelli con il suo Trio. Fornarelli, barese, 37 anni, che si applica al pianoforte dall’età di tre anni, ha scoperto diciottenne, e subito abbracciato, il jazz, esplorandone le molteplici facce come pochi. Il suo primo lavoro in studio, uscito nel 2005, fu considerato dalla critica di settore come uno dei migliori CD dell’anno sulla scena jazz in Italia. Trasferitosi in seguito in Francia per alcuni anni, Fornarelli lavora con diversi artisti (tra i quali Flavio Boltro) e scrive le musiche per un progetto che diventa nel 2008 il suo secondo CD, dedicato a uno dei più grandi pianisti jazz di sempre, il francese Michel Petrucciani. Del 2011 il disco successivo, considerato dalla critica una prova di maturità, con illimitate varianti e tonalità fuse in un insieme armonico che spazia da sonorità acustiche a quelle elettroniche, una sperimentazione di spessore che lo premia con un deciso successo anche di pubblico.

Numerosissime da allora le collaborazioni con diversi musicisti che richiedono la sua poliedricità, e il suo modo naturale di amalgamare alla sua tastiera il jazz con sonorità dance odierne, ma anche con la musica classica dell’epoca romantica, il tutto condito con un sapiente gusto italiano. Outrush, l’ultimo suo lavoro che porta ora in tour, è uscito nel 2014, dove unisce sorprendentemente un minimalismo tipicamente nordeuropeo con il lirismo mediterraneo, con l’aggiunta di arrangiamenti molto curati ed intensa espressività.

Decisamente lusinghiero il giudizio del critico musicale John Fordham, che su The Guardian ha scritto nel 2012: «Dopo soli dieci minuti era più che chiaro che questo eccellente Trio avesse molto ma molto da raccontare […]. È quindi palesemente ovvia la ragione per cui questo Trio al contempo affiatato, riflessivo e visceralmente entusiasmante stia ottenendo consensi in tutta Europa». Non da meno la valutazione di un emerito collega, il trombettista Paolo Fresu, che di lui ha detto: «Finché ci saranno musicisti aperti come Kekko Fornarelli il jazz continuerà ad essere la musica del mondo».

Kekko Fornarelli si è esibito in diversi club prestigiosi in tutto il mondo. Con il Trio sta girando ora l’Europa riscuotendo ovunque successi: ora sta concludendo le date in Gran Bretagna, dove oggi sarà sul palco a Southampton.

Il Kekko Fornarelli Trio, formazione classica per eccellezza ma in una interpretazione inusuale, è il suo progetto di punta. Il gruppo è composto dal leader al piano, da Giorgio Vendola al contrabbasso e Dario Congedo alle percussioni, con l’aggiunta di campionature elettroniche e sintetizzazioni di strumenti acustici, che danno al suono della band una vasta gamma di toni e colori e sono causa di una molteplice quantità di sensazioni.

Ad aprire la serata all’Atelier Babylon di Bratislava sarà il gruppo slovacco Triango (Peter Breiner – pianoforte, Stano Palúch – violino, Boris Lenko – fisarmonica, Milan Rendoš, a. h. – diversi strumenti caratteristici del folklore slovacco) che presenterà il progetto Triango suona le danze slovacche.

Dove: Atelier Babylon music club, Kolárska 3, Bratislava Quando: martedì 3 febbraio 2015, ore 19:00 Organizzato da: Istituto Italiano di Cultura di Bratislava, OZ Arte Biglietti in vendita su Ticketportal.sk Info: pagina Facebook, sito web

Foto © Gianni Cataldi

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google