Torino dedica un giardino a Jan Palach nel 46° anniversario della morte

Torino-giardino-Palach_(foto_ComuneTorino)

Il 16 gennaio a Torino è stata ribattezzata come “Giardino Jan Palach” un’area pubblica attrezzata a verde e giochi per bambini di fronte alla Residenza Universitaria di via San Domenico a pochi passi da Palazzo Civico.

A inaugurare la nuova denominazione, in rappresentanza della Città di Torino, il consigliere comunale Maurizio Marrone, con una cerimonia alla quale sono intervenuti, tra gli altri, la presidente dell’Ente regionale per il diritto allo studio Marta Levi, il presidente della Circoscrizione Centro-Crocetta, Massimo Guerrini e i consoli onorari di Repubblica Ceca, Franco Aprile, e Slovacchia, Giuseppe Pellegrino.

Marrone ha sottolineato durante la cerimonia che la toponomastica di Torino rende finalmente onore a martiri finora dimenticati come il ventenne Jan Palach, che ebbe il coraggio di darsi fuoco come una torcia umana sulla piazza principale di Praga per svegliare l’opinione pubblica dopo l’invasione sovietica della Cecoslovacchia nel 1968. Il 16 gennaio 1969 Palach «protestò in particolare contro la censura imposta dal regime comunista ai mezzi di informazione non allineati, rappresentando un formidabile esempio anche a decenni di distanza per quest’Europa odierna che sembra aver dimenticato il valore della libertà, anche quando viene attaccata con violenza», ha detto il consigliere Marrone.

Torino-giardino-Palach1_(foto_ComuneTorino)

Il ragazzo morì dopo giorni d’agonia, per le gravi ustioni riportate: ai funerali presero parte 600mila persone. Nei giorni seguenti, altri sei giovani seguirono il suo drammatico esempio, una campagna di resistenza estrema preannunciata dalla lettera che lo stesso Palach aveva scritto prima di darsi fuoco. Ragazzi purtroppo non passati alla storia, per via della censura operata dal regime sulle loro tragedie, ma che, come Jan Palach – è stato sottolineato nel corso della cerimonia – tentarono di scuotere le coscienze del loro Paese e dell’opinione pubblica occidentale.

«Jan Palach è un simbolo di libertà più che mai attuale», ha evidenziato Marrone, «un esempio per la gioventù di oggi di come sia esistito un altro ’68».

L’intitolazione dell’area a Jan Palach è una iniziativa del comune, e arriva in seguito alla decisione presa già nel 2009 dalla Commissione toponomastica di Torino di dedicare un luogo della città alla memoria del giovane praghese.

(Fonte Ufficio stampa Consiglio Comunale di Torino)

Altre foto dell’inaugurazione a questa pagina della rivista comunale Agorà.

Foto Comunedi Torino

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google