Rifkin e l’arte delle profezie sulla fine del mondo

Wired.it ha incontrato l’autore di “La società a costo marginale zero” per capire se la sua tesi sull’internet delle cose che sgretolerà lo stesso modello capitalista è una bella fiaba di Natale o una provocazione basata sui dati

rifkin-(wiki)

A 70 anni, Jeremy Rifkin ha una produzione letteraria tanto intensa quanto ricca di tesi provocatorie e ardite. Le sue 19 pubblicazioni, tra cui diversi bestseller come La fine del lavoro (Baldini&Castoldi, 1995) e Il secolo biotech (Baldini&Castoldi, 1998) hanno contribuito ad accreditarlo come pensatore e divulgatore delle nuove tecnologie ma sono anche un efficacissimo marketing per i suoi servizi di consulenza. Il portafoglio clienti della sua Foundation on Economic Trends include statisti di prim’ordine come la Cancelliera Angela Merkel, ma anche multinazionali come Siemens, Cisco, Eni e diversi altri bei nomi della classifica Fortune 500.

La tesi della sua ultima fatica, La società a costo marginale zero -L’internet delle cose, l’ascesa del Commons Collaborativo e l’eclisse del capitalismo (Mondadori, 2014) è semplice e potente: la diffusione del modello open source, della sharing economy e dell’internet delle cose sta sgretolando il dominio del modello capitalista dal suo interno.

Prosegui la lettura su Wired.it.

Foto Heinrich Böll Stiftung

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.