Sanità: nuovo ministro Cislak licenzia direttori ospedali per l’appalto delle mense

viliam-cislak_(health.gov.sk)

Il nuovo Ministro della Sanità Viliam Cislak ha licenziato i capi di tre dei quattro ospedali statali che hanno firmato contratti decennali per la gestione delle rispettive mense per 81 milioni di euro con due società collegate tra loro. Si tratta di tre membri del partito di maggioranza Smer-SD, che guidavano gli ospedali di Banska Bystrica, Trnava e Poprad. Per di più, il direttore a Banska Bystrica, Vladimir Balaz, è anche deputato di Smer. Si salva soltanto la direttrice dell’ospedale di Trencin, dato che il contratto per i servizi di ristorazione era stato firmato dal suo predecessore.

Inoltre, anche il capo del dipartimento servizi del ministero Martin Sencak, che aveva emesso il nulla osta per la firma dei contratti, perderà il suo posto. Inoltre, Cislak ha allontanato infine anche il direttore dell’ospedale statale di Kosice per l’affidamento di servizi di pulizia a una società privata senza concorso pubblico.

L’annuncio dei provvedimenti è stata dato in seguito a un incontro del ministro con il Premier (e presidente di Smer) Robert Fico.

Il caso dei quattro ospedali era salito agli onori della cronaca pochi giorni fa con una denuncia fatta da Transparency International Slovakia (TIS) e il quotidiano Sme in base a informazioni fornite dal deputato Miroslav Beblavy. Il fatto è che oltre ad essere stati siglati con società “ombrose”, con sede in paradisi fiscali, e le due società vincitrici degli appalti sono interconnesse tra loro e hanno lo stesso amministratore, i contratti avrebbero dovuto ottenere l’approvazione preventiva del governo, come da disposizioni di legge per forniture oltre i 5 milioni di euro, cosa che però non è avvenuta. I contratti firmati sono estremamente onerosi, e faranno spendere ai rispettivi ospedali oltre il doppio di quanto pagato da altri nosocomi.

Il capo del settore servizi del Ministero della Sanità Martin Sencak era da settimane sotto l’obiettivo dei media per non avere preso provvedimenti dopo lo scandalo della TAC all’ospedale di Piestany che ha sollevato il velo su quello che l’opposizione ha definito un sistema corruttorio nella sanità slovacca in cui protagonista principale è il partito Smer e i suoi rappresentanti.

Dopo le dimissioni del Ministro della Sanità, del capo del Parlamento e del suo vice, tutti nominati da Smer e “convinti” dal Primo ministro a rassegnare volontariamente le dimissioni, il partito ha iniziato ad agire rapidamente al suo interno per evitare altri scandali che ne possano minare la credibilità. Da settimane sono in corso proteste di gruppi di cittadini, guidate da alcuni membri di opposizione. Anche l’altro giorno erano in piazza nella capitale oltre 2000 persone, che chiedevano di mettere fine alla corruzione e, tra le altre cose, la testa del Primo ministro e del capo dell’ufficio del Ministero della Sanità Martin Sencak, cosa, quest’ultima, che hanno ottenuto ieri.

Giorni fa una istanza di sfiducia contro Robert Fico in Parlamento ha avuto esito negativo dopo oltre 60 ore di dibattito senza interruzioni.

(La Redazione, Fonte Sme e varie)

Foto: il ministro Cislak / health.gov.sk

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google