Medvedev: Sanzioni nocive per la Russia, ma anche per l’Europa

medvedev-putin_(wikipedia)

In un’intervista trasmessa da cinque diversi canali televisivi nazionali, il Primo ministro russo Dmitri Medvedev ha fotografato la situazione economica della Russia facendo riferimento, in particolare, alle sanzioni occidentali conseguenti al coinvolgimento di Mosca nello scenario ucraino e al brusco calo dei prezzi del petrolio. Una situazione che Putin nel suo discorso tradizionale alla Duma ha sintetizzato con la frase “tempi duri attendono il popolo russo”.

Calo del prezzo del petrolio

Alla fine dello scorso anno un barile di petrolio costava tra i 110 e 115 dollari, adesso il prezzo è calato fino a raggiungere quota 65-70 dollari al barile. Se le condizioni economiche continueranno a cambiare così velocemente “dovremo rivedere gli scenari dello sviluppo del paese”, ha detto Medveded. La Russia, in pratica, dovrà rivalutare l’importanza del petrolio per la sua economia nel lungo periodo, una possibilità consentita dalle attuali riserve del paese a detta del premier.

Sanzioni europee

Medvedev ha ammesso che le sanzioni europee stanno causando un danno considerevole all’economia russa ma anche la stessa economia europea sta accusando il colpo. Quest’ultima finora ha perso 40 miliardi di euro mentre, il prossimo anno, la perdita arriverà a 50 miliardi.

“Non abbiamo mai sottovalutato le sanzioni – così ha commentato queste cifre Medvedev – ma sappiamo anche che non portano a nulla e che non sono utili per nessuno”. Tuttavia “non siamo stati noi a introdurre per primi le sanzioni, quindi non tocca a noi abolirle per primi”. Semmai “esse si sono trasformate in un’occasione per sviluppare prodotti di qualità per sostituire le importazioni”.

Rublo debole

Il dimezzamento dei prezzi del petrolio e l’effetto delle sanzioni europee, ha aggiunto Medvedev, “hanno provocato tutta una serie di conseguenze importanti, soprattutto in relazione al tasso di cambio rublo”. La moneta nazionale in questo momento è debole, per i russi questo significa diventare più poveri. Però presto tornerà a valutarsi “non so se entro questo mese o il mese prossimo” ha aggiunto Medvedev, invitando i russi a non prendere decisioni affrettate riguardo al cambio con altri valute, “io stesso manterrò i miei risparmi in rubli” ha precisato. Il governo ha comunicato che stipendi e pensioni verranno presto ricalibrate in base alla svalutazione della moneta nazionale.

(Fonte TermometroPolitico.it)

Approfondimento: Il discorso di Putin alla Duma (da Italiani.net)


Foto Russavia CC-BY-3.0

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google