Smer avrebbe vinto le elezioni generali a Giugno-Luglio col 39,7%

L’ultimo sondaggio politico, reso noto oggi, rivela che il partito di opposizione Smer-SD avrebbe ancora vinto le elezioni generali col sostegno del 39,7% degli elettori nel mese di Luglio, venendo prima dei partiti di Governo SDKU-DS (15,3%), i Democratici Cristiani-KDH (11,7%), i liberali di Libertà e Solidarietà (SaS) con l’11,5%, seguiti da Most-Hid (9,0%) e i nazionalisti di SNS sul 5,1%. Il 7,7% avrebbe votato altri partiti o non ha dato alcuna indicazione di voto.

Il 39,7%circa degli intervistati ha detto che avrebbe sicuramente votato, mentre il 28,6% sarebbe andato ai seggi con molta probabilità. Portando dunque la percentuale di votanti che si sarebbe recata ai seggi a un irrealistico 68%. Alle elezioni di Giugno si è presentato al voto il 58,8% degli aventi diritto, ed era già considerato un buon risultato.

Rispetto alle elezioni generali viene confermato il risultato di Smer con un rialzo del 4%, e mentre l’SDKU del Premier Radicova avrebbe confermato la cifra di Giugno, KDH (anziché il 8,5% di Giugno) avrebbe addirittura preso un 3% in più. Leggeri spostamenti in alto e in basso per gli altri.

L’indagine è stata condotta tra il 21 Giugno e il 18 Luglio dall’agenzia Median-Sk su un campione di 1.084 intervistati.

L’attuale presidente del partito etnico ungherese SMK Jozsef Berenyi ha accusato il sondaggio di non essere realistico. Il partito, che nelle elezioni di Giugno aveva ricevuto solo un 4,3% di voti non raggiungendo la soglia del 5% necessaria per entrare in Parlamento, nel sondaggio di Median avrebbe ricevuto solo lo 0,9%, mostrando dunque una perdita di 3,4 punti percentuali nel giro di un mese. Allo stesso tempo il suo principale rivale per il voto della minoranza ungherese Most-Hid ha migliorato leggermente rispetto alle elezioni, passando dall’8,1% al 9%. «Aspettiamo i prossimi sondaggi», ha concluso Berenyi, non volendosi rassegnare. Il partito, subito dopo le elezioni era andato ad una resa dei conti col suo presidente Pal Csaky, che aveva dovuto rassegnare le dimissioni.

(Pierluigi Solieri)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google