L’Ucraina, il gas e la guerra

L’accordo sul gas tra Russia e Ucraina evitato guai a Kiev e all’Europa, ma solo fino al prossimo marzo. L’intesa è provvisoria e dalla primavera 2015 bisognerà fare di nuovo i conti.

gas_(bilfinger-4321553741@flickr)

Ricapitolando: l’Ucraina deve saldare i propri debiti sulla base di un prezzo provvisorio di 268 dollari per 1000 metri cubi. Quello definitivo verrà stabilito dopo l’esito dei ricorsi sia di Gazprom che di Naftogaz alla corte di arbitrato di Stoccolma.

La prima tranche di 1,45 miliardi di dollari è già stata pagata, l’altra di 1,65 miliardi dovrà essere regolata entro la fine di quest’anno. Unione Europea e Fondo Monetario internazionale si sono impegnati a garantire i pagamenti, visto che le casse di Kiev ormai non hanno più nemmeno le lacrime per piangere.

Il prezzo per le forniture è stato fissato sino alla fine di marzo 2015 a 385 dollari per 1000 metri cubi con pagamento anticipato. I contratti in vigore sono quelli firmati nel 2009 tra Vladimir Putin e Yulia Tymoshenko. Come dire appunto che se quest’inverno i problemi sono stati evitati, per il prossimo la telenovela continua.

Al di là della propaganda e della possibilità di emanciparsi dal gas russo nel medio periodo, l’Ucraina non ha sul tavolo molte alternative e non può prescindere da uno stretto rapporto energetico con Mosca. Inevitabile è dunque per il futuro prossimo la ricerca di un compromesso con la Russia, nella cornice degli standard internazionali.

Se e come questo sarà possibile, dipenderà molto dallo sviluppo delle relazioni tra i due paesi in un contesto che al momento non offre rosee prospettive. La tensione tra Kiev e Mosca si è rialzata con l’escalation militare nel Donbass e le prossime settimane saranno decisive per capire se il conflitto rimarrà più o meno congelato, almeno sino a primavera, oppure se la situazione precipiterà in una ripresa delle ostilità con conseguenze imprevedibili e che tra qualche mese potrebbero far apparire la questione dal gas come insignificante.

(Stefano Grazioli, via RassegnaEst.com)

Foto Bilfinger SE

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.