Aperto in California un incubatore di start-up slovacche

digital divide

È stato ieri ufficialmente inaugurato a San Diego dal Presidente slovacco Andrej Kiska un nuovo incubatore di imprese chiamato “Slovak American Innovation Center”, che sarà chiamato a favorire le imprese slovacche ad aprire una sede negli Stati Uniti. Nel suo discorso Kiska ha ricordato che sono tante le persone di talento in Slovacchia, ma spesso all’inizio di un nuovo progetto imprenditoriale hanno bisogno di assistenza nel trovare gli spazi e mettere a fuoco le idee. Avere qualcuno su cui contare in un paese come gli Usa è una incredibile opportunità, ha detto, visto che questo «è un enorme mercato che offre grandi occasioni».

Il centro è un’idea della società informatica slovacca Eset (nota in tutto il mondo per i suoi anti-virus NOD-32) e conta di poter fornire assistenza e supporto a 5-6 aziende alla volta. Eset, che ha la sua base a Bratislava, ha già una sede a San Diego. Questo è il primo incubatore di imprese per imprenditori slovacchi all’estero. San Diego, nel sud della California, ospita diverse imprese e start-up nel settore della tecnologia dell’informazione. Le località più note del settore IT, tuttavia, e i marchi più conosciuti, sono locati nella cosiddetta Silicon Valley (neologismo coniato negli anni ’70 per la Santa Clara Valley), che è invece nella parte nord dello Stato, nei dintorni di San Jose.

(Red)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.