L’addio di Rasmussen alla Nato: la Russia responsabile di un ritorno alla Guerra fredda

Anders Fogh Rasmussen

Anders Fogh Rasmussen

Il 15 settembre, nel suo ultimo discorso da Segretario Generale della NATO a Bruxelles, Anders Fogh Rasmussen ha rispolverato un vocabolario tipico del confronto bipolare tra Occidente e Russia, additando quest’ultima come unica responsabile dell’escalation militare in Ucraina, la sola ad aver “calpestato tutte le leggi e gli impegni che hanno preservato la pace in Europa e oltre sin dalla fine della Guerra Fredda”. La sola che – nonostante la legittimità della tesi secondo cui il consolidarsi dei legami tra UE e Ucraina abbia messo sul chi-va-là il Cremlino – ha deliberatamente violato il diritto internazionale, applicando una nuova politica interventista nei confronti di un Paese terzo.

La denuncia contro la Russia non è però rimasta circoscritta alla sola Ucraina, abbracciando la politica russa in Europa orientale nel suo insieme, denunciandone le pressioni economiche e militari volte a “fabbricare conflitti e ridurre l’indipendenza dei propri vicini”. In contrapposizione a tale politica, il Segretario Generale ha contrapposto la politica di pacificazione del continente europeo tramite la progressiva espansione della membership di UE e NATO, facendo un esplicito riferimento al Montenegro (che ha ottenuto nel 2008 l’indipendenza dalla Serbia, uno dei più fedeli amici di Mosca in Europa).

Leggi tutto su Rivistaeuropae.eu.

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.