La struttura gerarchica dell’Isis

califfato-ISIS_(foto-internet) islam jihad terror

Un capo. Due vice che si occupano di aree geografiche diverse. Un gruppo fidato di consiglieri. E governi locali con compiti precisi. In Iraq e in Siria l’Isis controlla i territori conquistati attraverso reti capillari. Al vertice c’è Abu Bakr al-Baghdadi, ma lo Stato Islamico non è solo lui.

Al-Baghdadi è riuscito a scampare al mirino delle intelligence occidentali per anni, dando vita a un gruppo di jihadisti che è cresciuto fino ad attirare migliaia di guerriglieri da tutto il mondo, moltissimi anche dall’Occidente. Oggi l’Isis controlla ampie porzioni di territorio in due stati del Medio Oriente: la Siria e l’Iraq. Stabilire con esattezza quanto sia vasta l’area nelle mani dello Stato Islamico è difficile. Il Washington Post ha calcolato che potrebbero essere pari a quasi 130.000 chilometri quadrati, la stessa estensione di Inghilterra, Galles e Scozia messi insieme.

Sotto la bandiera nera dell’Isis ci sarebbero circa 31.500 miliziani, secondo le ultime informazioni raccolte dall’intelligence: gli stranieri sarebbero tra il 20 e il 30 per cento.

L’Isis ha sfruttato la debolezza dell’avversario (i governi siriano e iracheno) ma la sua campagna militare non viene dal nulla. È stata preparata a lungo. Oggi lo Stato Islamico governa i territori occupati con elaborate strutture di controllo: “Dal gabinetto di governo fino agli organismi finanziari e legislativi, la scala gerarchica dell’Isis assomiglia a quella dei governi occidentali – se non si considera l’assenza di democrazia” ha scritto la CNN. Molti dirigenti nelle fila dell’Isis, ha sottolineato il New York Times, sono ex ufficiali e ex funzionari che lavoravano nel regime di Saddam Hussein e che hanno portato nello Stato Islamico competenze militari, amministrative e logistiche.

Al vertice c’è Abu Bakr al-Baghdadi il quale tiene in gran conto alcuni consiglieri (con i quali ha rapporti diretti) e i suoi due vice: Abu Muslim al-Turkmani (che si occupa dell’Iraq) e Abu Ali al-Anbari (che si occupa della Siria), entrambi iracheni ed entrambi ufficiali che hanno servito negli anni di Saddam Hussein. Questo livello è conosciuto come Al Imara.

È compito di Abu Muslim al-Turkmani e di Abu Ali al-Anbari distribuire ordini ai governanti locali i quali a loro volta hanno il dovere di supervisionare ogni aspetto del controllo del territorio: il reclutamento dei guerriglieri, le relazioni con i media, il reperimento di risorse finanziarie. Nelle città conquistate l’Isis si assicura che la legge islamica venga seguita e che panifici, mercati e stazioni di servizio continuino a funzionare.

Il cosiddetto Consiglio della Shura si occupa di questioni militari ma soprattutto controlla che ogni persona con compiti di responsabilità si comporti secondo la legge islamica. Scrive la CNN che molto probabilmente le decapitazioni dei giornalisti americani James Foley e Steven Sotloff e del britannico David Haines sono state decise proprio dal Consiglio della Shura.

(Antonio Scafati, via Termometropolitico.it)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google