Scozia indipendente? Una rivoluzione. 10 risposte a 10 domande

scozia

Il quesito referendario che il 18 settembre si troveranno di fronte i cittadini scozzesi – «La Scozia dovrebbe essere un Paese indipendente?» – potrebbe portare dopo 307 anni alla separazione delle due colonne portanti del Regno Unito così come l’abbiamo conosciuto finora. Fino a qualche settimana fa, i sondaggi davano al fronte del No una vittoria ampia e scontata. Ma la situazione si velocemente capovolta: l’ultima rilevazione effettuata da Yougov.com, la sera del 6 settembre, ha mostrato un clamoroso sorpasso – con i Sì al 51% – che ha fatto venire i brividi lungo la schiena a David Cameron, così come ai leader degli altri due principali partiti britannici, il laburista Miliband e il liberal-democratico Clegg, entrambi contrari all’indipendenza scozzese.

Una separazione all’interno di un paese occidentale non avviene da secoli, e nel continente europeo l’unico caso recente è quello del divorzio consensuale (di “velluto”, come è giustamente definito) nel 1993 di Slovacchia e Repubblica Ceca. Sarà questo anche il caso del Regno Unito?

Linkiesta.it si è fatta una serie di domande su questioni dirimenti che implicherebbero la scissione, dai simboli di Stato alla forma statuale (gli scozzesi si terrebbero la regina Elisabetta?), dalle risorse energetiche alle forze armate e gli armamenti nucleari, dalla moneta al dominio internet. Non ultima, una domanda cruciale anche per altri paesi del vecchio continente: se la Scozia si separa, quanto questo fatto darà benzina sul fuoco agli altri secessionismi d’Europa?

Leggi l’articolo sul sito www.Linkiesta.it.

1 Commento

  1. Perche’ non pubblicate un articolo anche sui movimenti secessionisti in Veneto? La Regione ha negli ultimi mesi approvato un referendum sull’indipendenza, del tutto simile a quello scozzese, che pero’ al momento e’ stato rifiutato dall’Italia; piu’ c’e’ stato il referendum on-line e non ufficiale del marzo 2014.

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.