Ucraina, il convoglio russo e il congelamento del conflitto. Soluzione alla “bosniaca”?

Ucraina-Sloviansk_08072014_(snamess-14588074046)

Il convoglio umanitario russo è entrato in Ucraina, senza l’autorizzazione di Kiev, tramite il valico di Izvaryne controllato dai separatisti. Da giorni le guardie di frontiera ucraine lo trattenevano al confine per “ulteriori ispezioni” dopo che alcuni camion erano stati trovati semivuoti. Cosa contenevano? Armi da contrabbandare ai separatisti, secondo Kiev. Ma a essere contrabbandate sono state anzitutto le paure. Le autorità ucraine temono l’invasione e accusano Mosca di ammassare truppe al confine. Non solo: secondo Kiev il convoglio “umanitario” sarebbe un cavallo di Troia, un modo per entrare nel paese e congelare il conflitto. Un conflitto che, tra le migliaia di vittime, registra anche la morte di Mykola Zelenec, console onorario della Lituania a Lugansk, rapito e ucciso dai separatisti filorussi.

Il convoglio umanitario e le sue

Nei piani di Mosca il convoglio umanitario – ben 280 camion carichi di cibo, acqua, medicine, alimenti per bambini, gruppi elettrogeni – sarebbe dovuto transitare da Karkhiv, in Ucraina, e proseguire verso Lugansk e Donetsk con l’appoggio dell’esercito ucraino. Kiev, negando qualsiasi accordo con Mosca in tal senso, ha mandato messaggi contraddittori, dicendosi ora disponibile al dialogo, ora invece accusando Mosca. Il convoglio, partito dalla periferia di Mosca nella notte del 12 agosto, ha raggiunto la città di Voronezh due giorni dopo.

Da Voronezh si diramano due strade: a est c’è quella per Kursk e poi Kharkiv, in Ucraina, verso il territorio controllato dai governativi. A sud c’è quella per Kamensk-Shakthinsky, da cui poi parte la strada per Krasnodon e Lugansk attraverso il territorio controllato dai separatisti. La mattina del 15 agosto le intenzioni di Mosca sono parse evidenti: imboccando la strada verso sud, il convoglio ha rinunciato a transitare da Karkhiv rinunciando quindi a qualsiasi collaborazione con le autorità ucraine e la Croce Rossa internazionale, come invece era stato annunciato. Arrivato a Kamensk-Shakthinsky il convoglio è rimasto in attesa di sviluppi diplomatici ormai impossibili.

Kiev ha trattenuto il convoglio sul confine, adducendo motivazioni burocratiche, finché non è venuto l’ordine di passare da Izvaryne, attraverso il territorio occupato dai separatisti, violando così la sovranità ucraina. Gli osservatori Osce hanno contato 227 camion entrati in territorio ucraino in sei gruppi. Il governo ucraino ha reagito dichiarando che si tratta di una “invasione diretta” mentre Mosca ha replicato che “attendere ancora sarebbe stato inammissibile”. Washington ha invitato Mosca a ritirare il convoglio se non vuole “subire le conseguenze delle sue azioni” e il cancelliere tedesco, Angela Merkel, è volata a Kiev per parlare con Poroshenko mentre anche Bruxelles condanna l’azione russa. Intanto i camion russi sembrano aver ripreso la strada del ritorno dopo aver consegnato il loro carico alle autorità ribelli di Lugansk.

L’assedio di Donetsk e il congelamento del conflitto

Tra il 25 e il 26 luglio cominciava la battaglia di Donetsk. Dopo che a metà luglio i separatisti, incalzati dall’offensiva dell’esercito ucraino, hanno lasciato Sloviansk, Artemivsk, Druzhkivka e Kramatorsk, la strada verso Donetsk era spianata e una vittoria delle forze governative sembra imminente. Ma Donetsk non è una città come le altre. Con più di un milione di abitanti, è uno dei più importanti centri industriali del paese e non si può colpirla con l’artiglieria pesante, come avvenuto a Sloviansk, né bombardare i villaggi circostanti. Non si può, anche perché così ha detto Rinat Akhmetov, l’oligarca degli oligarchi, l’uomo più potente del paese, che a Donetsk ha i suoi interessi e le sue aziende, oltre che la sua base di consenso e potere. Così, quando i ribelli hanno cominciato a ripiegare da Sloviansk, Akhmetov è andato in televisione a dire che “bisogna lottare per l’unità del paese” ma è necessario “un dialogo con i ribelli” perché “Donetsk non può essere bombardata, non si possono distruggere le città, i villaggi, non si possono distruggere le infrastrutture”.

Così le forze ucraine hanno cominciato un lungo assedio, e le forze ribelli – consapevoli di ciò che le attendeva – hanno fatto saltare i ponti che conducono in città, chiudendo in trappola i civili che cercavano di fuggire. Costretti a combattere villaggio per villaggio, strada per strada, i soldati di Kiev hanno dovuto rallentare la loro avanzata. Il prezzo da pagare per questa guerra di logoramento è l’altissimo numero di vittime che, a metà agosto, con la città ancora saldamente in mano ai ribelli, ammonta già a più di duemila. L’invio di un convoglio umanitario da parte di Mosca si motiva proprio per dare sollievo ai civili e – giocoforza – dare respiro e soccorso alle autorità ribelli.

Una soluzione alla “bosniaca”?

A Kiev si teme che la presenza “umanitaria” russa renda permanente l’occupazione delle regioni orientali aprendo la strada a nuove annessioni o, più realisticamente, a un tavolo di trattative che veda la Russia in posizione di vantaggio consentendole rivendicazioni di vario genere. Fin dall’inizio del conflitto la Russia ha chiesto un assetto di tipo federale per la ‘nuova’ Ucraina in modo tale da mantenere la propria influenza sulle regioni orientali. Tale richiesta ha incontrato il favore di oligarchi come Akhmetov. Da tempo sembra profilarsi una soluzione alla “bosniaca”, per la quale l’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk e/o la Crimea vengano riconosciute come entità autonome all’interno dello stato ucraino, vicine più a Mosca che a Kiev. Esattamente quanto accaduto in Bosnia Erzegovina dove gli accordi di pace di Dayton hanno istituito una Repubblica Srpska autonoma, benché parte della Repubblica federale di Bosnia Erzegovina, più vicina a Belgrado che a Sarajevo, e che influenza in tal modo il governo centrale. Inutile dire che questa situazione avvantaggerebbe Mosca a scapito di Kiev, offrendo un pretesto per future secessioni.

(Matteo Zola, via EastJournal.net)

Leggere anche :

Convoglio russo in Ucraina senza l’autorizzazione di Kiev: la condanna della Farnesina

ROMA\ aise\ – L’Italia considera “gravissimo” che un convoglio di 134 veicoli russi sia entrato in territorio ucraino, pur con dichiarati scopi umanitari, senza la necessaria autorizzazione di Kiev.

È quanto si legge in una nota della Farnesina, in cui si spiega che solo una parte dei mezzi era già stata sottoposta alle ispezioni concordate tra le parti e il Comitato Internazionale della Croce Rossa. Per il Ministero, dunque, “si è trattato un’azione unilaterale e contraria al quadro normativo e di sicurezza richiesto dall’ICRC, necessario per assicurare all’intervento carattere neutrale, imparziale e indipendente”.

“L’emergenza umanitaria è sotto gli occhi di tutti, con un numero crescente di sfollati e di rifugiati, con beni di prima necessità scarsi e servizi essenziali sempre più rari e carenti”, prosegue la nota del Mae, che conclude: “è indispensabile che tutti gli attori coinvolti nella crisi contribuiscano responsabilmente a trovare un’immediata soluzione alla gravissima situazione in Ucraina orientale, sostenendo e facilitando l’attività degli operatori internazionali, a partire da quelli dell’ICRC, secondo regole e principi di diritto internazionale e umanitario”.

(Fonte aise)

E poi…

ANSA: Kiev celebra l’indipendenza, a Donetsk i suoi soldati esposti alla gogna

RassegnaEst: La festa triste dell’Ucraina

Rassegna Est: Il giorno di Merkel a Kiev

Foto Sasha Maksymenko@Flickr 

 

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

Metalfil - lavorazione filo metallico, materie plastiche, legno e carpenteria leggera
Medea - Positive work
Moving International

news giorno x giorno

luglio: 2016
L M M G V S D
« Giu    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

pubblicità google

Questo contenuto contiene cookie di terze parti. Potrai visualizzarlo dando il tuo consenso alla Cookie policy.  
Questo contenuto contiene cookie di terze parti. Potrai visualizzarlo dando il tuo consenso alla Cookie policy.