Alto Rappresentante UE, Mogherini ce la farà? “Contro me nessuna critica vera“

Il lavoro estivo potrebbe avere aiutato l’aspirante Lady Pesc a guadagnare punti, tanto che Georgieva starebbe già cercando una soluzione alternativa. Rimangono da convincere i Paesi dell’Est e da risolvere la difficile questione donne: appena quattro le candidate ufficiali.

renzi-mogherini_(foto_palazzochigi-14547781597)

L’Italia sta preparando con cura il vertice straordinario dei leader europei che tra poco più di una settimana (il prossimo 30 agosto), dovrebbe arrivare a definire almeno i nomi di Alto rappresentante e presidente del Consiglio europeo, sbloccando l’impasse sulla formazione del nuove esecutivo comunitario. All’appuntamento il nostro Paese si presenta sempre più convinto di riuscire, questa volta, a far passare il nome di Federica Mogherini, già bocciato a luglio, con ben 10-11 Paesi contrari. “In realtà una critica vera e propria alla mia candidatura non è mai stata formalizzata”, puntualizza oggi Mogherini, intervistata da Repubblica. C’è, invece, sostiene “un problema complessivo legato agli equilibri tra famiglie politiche e aree geografiche che devono trovare una rappresentanza”. Già Mogherini inizia ad usare i toni da responsabile della diplomazia europea: “Sull’Iraq – dice – abbiamo fatto un ottimo gioco di squadra: è un buon modo di lavorare, dimostra che quando c’è volontà politica l’Europa può dare risposte velocemente ed in modo unitario. È questa l’Europa che ci piace e che ci chiedono gli europei”.

La fervente attività con cui il ministro degli esteri italiano si è messo in mostra durante la pausa agostana, potrebbe in effetti averle fatto guadagnare punti: Mogherini è stata la prima (seguita poi dal ministro degli esteri francese, Laurent Fabius) ad insistere per un Consiglio affari europei straordinario sull’Iraq, il nostro Paese, così come la Germania, ha dato il via libera a tempo di record all’invio di armi alla resistenza curda e anche il premier, Matteo Renzi ha contribuito a sottolineare la volontà italiana di giocare un ruolo chiave nella politica estera europea, volando ieri a Baghdad in veste dii presidente di turno dell’Ue. Un lavoro attento che potrebbe avere reso più reali le chanches di Mogherini di spuntarla […continua…]

Leggi il resto su UEnews.it.

Foto Palazzo Chigi@Flickr CC-BY-NC-SA

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.