Chiamata alle armi In Ucraina. Si salva chi ha antenati slovacchi o cechi

http://www.flickr.com/photos/112078056@N07/14611080145/ Foto Sasha Maksymenko@Flickr CC-BY-NC

In un articolo pubblicato ieri sul Corriere, Ilaria Morani scrive della leva obbligatoria scattata in Ucraina. In queste settimane si stanno spedendo da Kiev migliaia di lettere indirizzate in tutto il Paese ai maschi ucraini ‘abili’ che hanno fatto servizio militare di età tra i 18 e i 60 anni. Si è iniziato dai graduati, ma presto anche i soldati semplici saranno richiamati. Le lettere del governo arrivano agli uffici dei comuni, che provvedono a convocare gli interessati e far loro firmare i documenti per la chiamata alle armi e organizzarne la partenza. Chi non si presenta rischia fino a 5 anni di galera come disertore.

La necessità di soldati preparati e armati è dovuta all’arrancare dell’esercito di Kiev nel contrastare le milizie filorusse che avanzano nell’est del Paese, scrive Morani. Dopo l’abbattimento del Boeing malese del 17 luglio gli scontri si sono fatti più pesanti e sanguinosi, con frontiere aperte e soldati che arrivano di continuo dalla Russia. Secondo la Nato oltre 20.000 militari russi sono allineati al confine est ucraino in attesa di ordini.

La Morani cita il caso di un ucraino che vive e lavora da anni a Milano, la cui madre ha ricevuto la cartolina di convocazione ma gli ha detto perentoriamente di non rientrare in patria per nessuna ragione. Lui che ha moglie e figli a Milano, per ora non pensa di rientrare, anche se non sono chiare le conseguenze di tale gesto, ma non esclude un giorno di cambiare idea. «Non posso fare finta di niente – dice –. Non si tratta più di una guerra dell’est che vuole l’indipendenza: siamo tutti ucraini, se la Russia ci invade non posso nascondermi. A quel punto sarò costretto a imbracciare un kalashnikov».

Questa mobilitazione forzata al fronte ha scatenato una corsa alla caccia di antenati stranieri – veri o fittizi. Avere origini ceche o slovacche, ad esempio, può far evitare la chiamata al fronte. Molti ucraini disperati stanno percorrendo questa strada, e inviano le loro richieste a Praga e Bratislava: chi riesce a dimostrare le proprie origini nell’antica Cecoslovacchia la scampa.

Un’associazione di espatriati slovacchi in Ucraina ha detto al quotidiano slovacco Sme che sono 7.000, secondo i dati ufficiali, gli ucraini con nazionalità slovacca, ma molto più verosimilmente sono il doppio, e quasi tutti vivono nella parte occidentale del Paese, al confine con la Slovacchia. Ivan Latko, capo dell’associazione degli slovacchi residenti a Uzhorod, poco oltre il confine ucraino, ha spiegato che tutti coloro che hanno un avo in Slovacchia fino alla terza generazione possono ottenere lo status di ‘slovacco residente all’estero’, con il quale è possibile ottenere con una certa facilità il visto e passare la frontiera. Possono anche acquisire un permesso di soggiorno temporaneo per 5 anni in Slovacchia.

Latko ha notato che i convocati sono in maggioranza uomini tra i 20 e i 40 anni. Da giorni loro inviano le tante richieste agli archivi nazionali ceco e slovacco, a Praga e Bratislava, cercando tutti i parenti fino alla terza generazione.

Il Ministero degli Interni slovacco, però, nega che ci sia una corsa per queste richieste, e addirittura dice che non sono state al momento registrate domande ufficiali di slovacchi-ucraini. Anche il Ministero degli Esteri sostiene che in realtà la richiesta di visti per la Slovacchia da Kiev è in calo rispetto allo scorso anno. Fino al 24 luglio erano state presentate quasi 12 mila domande, contro le 16 mila dell’anno prima.

(La Redazione)

Foto Sasha Maksymenko@Flickr 

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google