Diritto all’oblio? Da Google sparisce anche Wikipedia

wiki

Anche Wikipedia deve piegarsi al diritto all’oblio: una delle sue pagine (non è stato specificato quale, però) sta per “sparire” dai risultati delle ricerche di Google. A confermarlo è lo stesso Jimmy Wales, fondatore dell’enciclopedia web: un caso che costituisce un precedente unico.

Le riflessioni e le polemiche non si fanno attendere, mentre, inesorabili, vanno avanti grazie alla sentenza della Corte Europea le rimozioni delle indicizzazioni dai motori di ricerca delle pagine considerate “inadeguate, irrilevanti, eccessive” dietro richiesta dei diretti interessati.

Anche se è soltanto un giocare a nascondino e non una vera e propria eliminazione dal web, la domanda è sempre la stessa: è giusto far sparire il proprio passato, soprattutto se si va a toccare il diritto ad essere informati delle altre persone?

Wikipedia, nella persona di Wales, sarà presente al grande meeting di Google previsto a settembre sul tema del diritto all’oblio e alle strategie per affrontarlo nella maniera migliore. Certo è che il concetto espresso finora dall’organo di Giustizia dell’Europa necessita una revisione, sia a livello di principio che di applicabilità. Finora infatti ci si limita a dare potere ai soggetti privati, che in modo arbitrario possono chiedere la rimozione di contenuti dai motori di ricerca, andando a intaccare i diritti di accesso alle informazioni della collettività.

Pensiamo a quest’ultimo preciso caso: negare l’accesso ad una voce dell’enciclopedia più letta del web attraverso il motore di ricerca più utilizzato di internet è di fatto come strappare una pagina fisica da un libro della biblioteca più grande del mondo e nasconderla altrove. Ha senso?

(Giacomo Lucarini, http://ognitantopenso.blogspot.it)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google