UE: paesi dell’est contro la Mogherini. Ma è l’Italia ad essere considerata non affidabile

federica-mogherini_flickr-12480976083

I paesi dell’Europa orientale, con in testa Polonia, Lettonia, Estonia e Lituania, avrebbero levato gli scudi contro la possibile nomina di Federica Mogherini, attuale ministro degli Esteri italiano, al ruolo di Alto rappresentante dell’Unione Europea per gli Affari esteri, attualmente occupato dalla britannica Catherine Ashton. Con loro anche la Gran Bretagna e la Svezia. Le ragioni del dissenso sono diverse.

I paesi dell’Europa orientale ritengono la Mogherini troppo vicina alla Russia, mentre svedesi e britannici sono scettici sulle reali competenze del ministro italiano. Il primo ministro italiano, Matteo Renzi, ha dichiarato che “l’Italia chiede di essere rispettata”, lasciando intendere che la mancata adesione alla candidatura italiana da parte dei paesi dell’est possa essere un’offesa arrecata al nostro paese. Non si tratta di una questione di “rispetto” (baciamo le mani) e, lasciando da parte le dichiarazioni nazional-popolari, è bene guardare le reali ragioni di questa opposizione.

Il ruolo di Alto rappresentante agli Affari esteri è molto importante. Si tratta, in sostanza, di una sorta di ministro degli Esteri dell’Unione che, al contempo, è anche vicepresidente della Commissione. Ed è tanto più importante ora che la crisi ucraina sta dividendo le cancellerie europee sul da farsi. Un rappresentante in grado di mediare tra gli interessi dei paesi membri, senza accendere una inutile competizione con Mosca ma senza nemmeno piegarsi alle prepotenze del Cremlino in nome del gas, è oggi fondamentale per l’Unione.

L’Alto rappresentante agli Affari Esteri è eletto dal Consiglio europeo (composto dai capi di Stato o di governo) con maggioranza qualificata. Non serve l’unanimità ma vista l’importanza della carica è bene che ci sia un ampio consenso. E il consenso sul nome della Mogherini manca. Perché?

Lo scetticismo di Londra e Stoccolma è motivato dal magro curriculum internazionale del ministro Mogherini che, come si legge dalla sua pagina personale, vanta un Erasmus a Aix-en-Provence e una laurea in Scienze Politiche. Parla il francese e l’inglese. Nessuna particolare esperienza in ambito internazionale e una breve carriera politica alle spalle. In questo sarebbe degna erede della Ashton che, laureata in Economia, è stata attivista per i diritti civili  e consulente politico, nominata baronessa è quindi entrata (eletta da nessuno) alla camera dei Lord di cui è diventata presidente. Poi la nomina a Commissario europeo per il Commercio e infine Alto rappresentante per gli Affari esteri. La Ashton aveva almeno esperienza politica, a ben vedere.

La reale differenza tra la Ashton e la Mogherini è la nazionalità. Non la Mogherini ma l’Italia è – dai tempi del lettone di Putin –  orientata più verso Mosca che verso Bruxelles. Specialmente in tema di sicurezza energetica l’Italia (e quello che è il suo “vero” ministero degli Esteri, cioè l’Eni) hanno sempre guardato a Mosca piuttosto che ai progetti europei. E poco importa che Mosca, pur di trasportare il suo gas, costruisca gasdotti che aggirano i paesi “ostili”, come i baltici e la Polonia (che sono paesi europei) di fatto isolandoli. Per l’Italia la solidarietà europea non conta, a meno che non si tratti di lagnarsi per i migranti che arrivano sulle sue coste. Allora a Roma si ricordano della “solidarietà” e chiedono che l’Italia non sia lasciata sola.

Ma nel Baltico, dove ogni tre settimane Mosca fa esercitazioni militari che come target hanno, di volta in volta, la Polonia, la Lituania, la Lettonia e persino i paesi scandinavi (la Svezia non a caso sta pensando di aderire alla Nato), hanno bisogno di sapere che quando l’Alto rappresentante va a parlamentare con Putin lo faccia tenendo bene a mente gli interessi di tutti.

Non ha torto Franco Venturini quando, dalle colonne del Corriere della Sera definisce “insensate” le accuse di filorussismo mosse al ministro Mogherini. Non è filorussa, questo no. Ma è un ministro degli Esteri italiano. E la politica estera in Italia è sempre stata fatta in nome del cerchiobottismo, degli interessi del momento, dei voltafaccia, dell’elemosina chiesta a questo o quel potente partner. L’Italia oggi è apertamente filorussa per mere ragioni di tornaconto economico, ed è quindi tiepida nel condannare gli abusi del Cremlino (dalla Cecenia, alla guerra in Georgia, fino all’annessione della Crimea). Ma è un filorussismo di convenienza che, pur agendo a vari livelli, vale come le promesse di un marinaio (la storia insegna). Insomma, la “scuola italiana”, salvo rare quanto lodevoli eccezioni, non è affidabile e non può guidare l’Europa. Questa è la verità. E oggi, con la crisi ucraina in corso, c’è bisogno di lungimiranza, poiché esacerbare i rapporti con Mosca non serve a nessuno ma l’annessione della Crimea resta quello che è: un abuso del diritto.

I nuovi rottamatori di governo sbagliano a porre la questione sul piano del nazionalismo. Forse la Mogherini verrà eletta, forse no. Ma spaccare l’Europa oggi è nocivo, e ancor più grave sarebbe se il piatto della bilancia alla fine pendesse a sfavore dei paesi dell’Europa orientale – poiché meno influenti, meno ricchi, meno potenti –  in nome di gradassi giochi di potere.

(Matteo Zola, via EastJournal.net)

Foto Flickr-12840976083

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google