Ucraina, sale la tensione al confine orientale

ucraina-sloviansk_270614_(maksymenko-14374858087)

I segnali sono tanti. E sfortunatamente univoci. Parlano di una situazione che, come hanno ben descritto il Presidente russo Vladimir Putin e la Cancelleria Angela Merkel, a margine della finale dei Mondiali di calcio del 13 luglio, va peggiorando di giorno in giorno. Segnali numerosi e per nulla incoraggianti. Tra i tanti, Mosca ha ripreso le esercitazioni aeronavali sul Mar Nero. Il solo termine “esercitazione” fa venire i brividi, eppure il Presidente Putin, in Brasile, ha ribadito il proprio impegno per la ricerca di una soluzione negoziata tra le parti, tra forze governative e filorussi.

Il leader russo e il suo omologo tedesco hanno, inoltre, fatto riferimento alla necessità di rilanciare il lavoro del gruppo di contatto per l’Ucraina, così da porre le basi per nuove trattative volte a far cessare le violenze nell’est del Paese, nella regione del Donbass. Putin aveva d’altronde insistito più volte, negli scorsi giorni, sul coinvolgimento dell’OSCE nel processo di pacificazione. Il Presidente ucraino Petro Poroshenko, che avrebbe dovuto recarsi anch’egli alla finale in Brasile, è rimasto invece in Ucraina, a causa dell’inasprirsi delle tensioni tra i due fronti. Eppure, se i fatti sembrano parlare chiaro, le notizie che giungono dai confini orientali dell’Ucraina non sono assolutamente definite, spesso, anzi, si rivelano ben poco affidabili.

L’operazione anti-terrorismo, avviata a metà aprile dal nuovo governo ucraino, è stata rilanciata nelle ultime settimane con un vigore e un’efficacia dirompenti. Le forze governative stanno avanzando verso est, mentre Kiev accusa il governo russo di muovere truppe al confine e di aiutare attivamente i ribelli filorussi. Un aereo ucraino è stato abbattuto domenica da un missile, la cui provenienza, sostiene il governo ucraino, non può che essere russa. D’altronde, però, è la piccola città russa di Donetsk nella regione di Rostov (da non confondere con la Donetsk in territorio ucraino) a essere stata presa di mira, sempre domenica, da colpi di artiglieria provenienti dal territorio ucraino, colpi che avrebbero provocato un morto e due feriti.

Se Putin ha parlato di “conseguenze irreversibili” in risposta al presunto attacco ucraino, il portavoce del Presidente si è affrettato a smentire la possibilità che la Russia risponda ai colpi di artiglieria con bombardamenti mirati in territorio ucraino, voci presto diffuse da alcuni giornali russi, tra cui il Kommersant. Alcune testate riferiscono, inoltre, che l’intento dell’attacco ucraino sarebbe stato quello di colpire direttamente ed espressamente quanti più numerosi civili russi mentre, sempre secondo la stampa russa, Kiev avrebbe imputato la responsabilità dell’attacco alla autoproclamatasi Repubblica di Donetsk, desiderosa di provocare un nuovo e più diretto coinvolgimento russo.

Continua a leggere l’articolo su RivistaEuropae.eu.

Foto Sasha Maksymenko@Flickr

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google