Ucraina: fronte spostato a Donetsk. Dissenso tra i separatisti

Ucraina-Sloviansk_08072014_(snamess-14588074046)

Sono ore particolarmente difficili per i miliziani filo-russi che ormai da mesi stanno combattendo contro la Guardia Nazionale e i vari battaglioni semi-indipendenti fedeli al governo centrale di Kiev. Se la tregua unilaterale proclamata da Poroshenko qualche settimana fa è servita ad entrambe le parti per rafforzarsi materialmente, gli eventi degli ultimi giorni dimostrano che l’occasione è stata sfruttata apparentemente meglio da Kiev.

Da Sloviansk verso Donetsk

Oltre a Sloviansk, il centro più importante dal punto di vista strategico militare, i miliziani filo-russi hanno abbandonato anche Artemivsk, Druzhkivka e Kramatorsk, centri minori sulla strada verso Donetsk. I separatisti si sono ritirati proprio nel capoluogo dell’omonima regione, inaugurando una nuova fase del conflitto. Donetsk, infatti, non è una città come le altre. Con oltre un milione di abitanti è uno dei principali centri urbani del paese e, insieme a Lugansk, rappresenta il fulcro dell’attività dei separatisti nel Donbass. Inoltre, nata come dormitorio per i lavoratori delle acciaierie e delle miniere di carbone nella seconda metà del 800, la città rappresenta uno dei maggiori centri economico-industriali dell’Ucraina.

Continua a leggere su EastJournal.net.

Foto Sasha Maksymenko@Flickr

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.