Alcol vietato in decine di aree pubbliche a Bratislava. Multe in vista per i trasgressori

alcol_(derekb-143003332)

Dopo l’approvazione di una direttiva vincolante generale da parte del Consiglio comunale di Bratislava, saranno appositamente designate numerose aree pubbliche nella capitale slovacca dove non sarà più possibile bere alcolici a partire da metà luglio.

Il Consiglio ha redatto una lista di 107 strade, piazze, parchi pubblici e altri luoghi dove sarà vietato bere alcolici, copiando una pratica già in uso in centinaia di luoghi a Praga. Un divieto che sarà fatto rispettare a suon di multe. Per il momento, tuttavia, non c’è un piano per notificare cittadini e turisti della novità. In futuro dovrebbero arrivare segnalazioni sui luoghi incriminati, ma niente grandi cartelli: «Useremo pittogrammi, segnali, ma non useremo grandi cartelli, almeno non ovunque», ha detto il sindaco di Bratislava Milan Ftacnik.

Tra i luoghi vietati ai bevitori vi saranno, ad esempio, parco Janko Kral nel quartiere di Bratislava-Petrzalka (il più antico giardino pubblico d’Europa), l’area del lago Kuchajda o il grande snodo cittadino di Trnavske Myto. Ma saranno protette anche le zone intorno alla stazione del treni e degli autobus. La selezione delle località “alcohol-free” è stata fatta dai singoli distretti della capitale, in stretto connubio con la polizia. Già ora erano vietate ai bevitori le aree nei pressi di scuole, cimiteri, strutture mediche, chiese, parchi giochi per bambini e fermate dei mezzi pubblici.

(Red)

Foto derekb@flickr

1 comment to Alcol vietato in decine di aree pubbliche a Bratislava. Multe in vista per i trasgressori

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google