Governo: nominati nuovi ministri all’Economia e all’Istruzione. A casa Malatinsky e Caplovic

pellegrini-kiska_(foto_prezident.sk)

Il Ministro dell’Economia Tomas Malatinsky e il suo collega all’Istruzione Dusan Caplovic hanno annunciato le loro dimissioni mercoledì scorso dopo la riunione settimanale dell’esecutivo. Nel frattempo, il Primo ministro Robert Fico aveva già inviato la proposta di nomina di due nuovi membri del gabinetto, che sono stati nominati e hanno giurato davanti al Presidente della Repubblica Andrej Kiska giovedì 3 luglio. A sostituire i due dimissionari sono Pavol Pavlis, già stretto collaboratore di Fico e Segretario di Stato all’Economia, che ora occupa la poltrona da Ministro nello stesso dicastero, e il già Segretario di Stato alle Finanze Peter Pellegrini che è divenuto Ministro dell’Istruzione.

I due ricambi, approvati al congresso straordinario del partito Smer-SD di alcuni giorni fa, sono intesi dare un rilancio all’azione della squadra di governo che da poche settimane ha fatto il giro di boa di metà mandato.

Pavlis ha delineato le prime priorità del suo incarico all’Economia, spiegando che intende focalizzarsi nella ricerca di investimenti stranieri, cercando di fare in modo che gli investimenti già annunciati siano diretti nelle aree del Paese che più ne hanno bisogno, e non magari nei paesi vicini – come Ungheria o Repubblica Ceca. Pavlis ha anche annunciato la sostituzione imminente dei due Segretari di Stato nel suo ministero.

Il suo collega Pellegrini, Ministro dell’Istruzione, ha detto che il suo primo giorno in ufficio avrebbe chiesto ai suoi collaboratori di assicurare la fornitura di libri di testo per le scuole in misura sufficiente nell’imminente mese di settembre, un tema che anno dopo anno non manca di tornare d’attualità, con istituti scolastici che spesso non hanno o ricevono in ritardo i libri di testo. Inoltre, vuole tentare, ha sottolineato, di negoziare aumenti di stipendio per gli insegnanti nel bilancio del ministero del prossimo anno. È sua intenzione anche trasformare il ministero in una organizzazione moderna, flessibile e dinamica usando le carte a sua disposizione, a cominciare da un certo ricambio di personale.

(Red)

Foto: Kiska e Ministro Pellegrini (prezident.sk)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.