La Slovacchia vuole entrare nell’Agenzia spaziale europea dal 2015

La Slovacchia potrebbe entrare come membro associato nell’Agenzia spaziale europea (ESA) a partire dal gennaio del 2015, secondo quanto annunciato dal Ministro dell’Istruzione, Scienza, Ricerca e Sport Dusan Caplovic. Potrà poi chiedere, ed è questa l’intenzione, di aderire a pieno titolo all’organizzazione, e nel più breve tempo possibile.

Caplovic ha detto che almeno 23 aziende slovacche sono interessate ad aprire una cooperazione con l’ESA. La quota associativa per i membri vale 1,5 milioni di euro, che sarebbero pagati dal bilancio del ministero, ma si tratta di una piccola somma rispetto ai possibili benefici che l’industria slovacca potrebbe ricavarne. Le aziende slovacche sarebbero coinvolte non solo nella ricerca teorica, ma anche nella ricerca applicata e innovativa che è più redditizia e porta utili. Una volta membro a pieno titolo, tuttavia, i costi di adesione all’ESA potranno arrivare fino a 4-5 milioni di euro l’anno.

L’idea fu prospettata per la prima volta un anno fa. La Repubblica Ceca, che spende circa 11 milioni, e la Danimarca fino a 40 milioni l’anno, ma il tasso di rendimento degli investimenti è aumentato di circa cinque volte in Danimarca dopo il suo ingresso nell’agenzia, e le aziende danesi ricevono più commissioni, hanno acquisito know-how e sono cresciute in termini di sviluppo tecnologico, afferma Jakub Kapus dell’Organizzazione slovacca per le attività spaziali.

(Red)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.