Fico: non credo a una delle parole della Radicova sul Manifesto

Non credo a una parola di quel che il Primo Ministro Iveta Radicova ha detto quando ha presentato il Manifesto del Governo in Parlamento, ha detto oggi il presidente del maggior partito di opposizione Smer-SD, Robert Fico, ai giornalisti in una conferenza stampa dopo il discorso della Radicova.

«Se qualcuno parla di lotta contro la corruzione con [l’ex Premier e Ministro degli Esteri Mikulas] Dzurinda e [il Ministro delle Finanze Ivan] Miklos seduti dietro di lui e [l’ex Ministro del Lavoro Ludovit] Kanik di fronte, come possiamo credergli?» ha chiesto l’ex Primo Ministro. Fico si è detto sorpreso che la Radicova abbia dedicato il 70% del suo intervento al Governo precedente. «Questo discorso assomigliava piuttosto ad un comizio pre-elettorale», ha dichiarato.

«Riconosciamo che per circa tre mesi la signora Radicova ha detto che lo Stato era in totale declino. Continua con questa retorica anche oggi, ma non ha offerto alcuna soluzione», ha dichiarato Fico, aggiungendo che aveva la sensazione che la Slovacchia stia combattendo una guerra civile. «Non ho sentito un solo brano di informazioni positive. Ci aspettavamo che il Premier sarebbe venuto [in Parlamento] con soluzioni reali, ma lei non ha detto nulla in tal senso», ha sottolineato il presidente del partito più forte in Parlamento.

Fico pensa inoltre che le proposte della Radicova aumenteranno le spese del bilancio statale. «Parlano di più soldi per la scienza e la ricerca, di stabilizzare il secondo pilastro con un atto costituzionale, il che costerà 1 miliardo all’anno», ha sottolineato.

(Fonte TASR)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google