The Economist: due papabili slovacchi per il nuovo Segretario generale dell’ONU

Il settimanale britannico Economist ha ipotizzato che il nuovo Segretario generale delle Nazioni Unite, che dovrà essere eletto nel 2016, potrebbe venire dalla Slovacchia, un evento prestigioso per la breve storia di questo Paese. Nella lista dei più plausibili tra i possibili candidati alla poltrona oggi occupata da Ban Ki Moon, l’Economist cita l’attuale Ministro degli Esteri slovacco Miroslav Lajcak, e pure il suo predecessore Jan Kubis, già Segretario generale dell’OSCE e al momento impegnato come Alto rappresentante dell’ONU in Afghanistan.

Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha un mandato di cinque anni ed è nominato dall’Assemblea Generale su raccomandazione del Consiglio di Sicurezza. Questo vuol dire che i cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza – Stati Uniti, Russia, Cina, Regno Unito e Francia – hanno essenzialmente il potere di veto sui nomi proposti. Le prossime elezioni si terranno nel 2016, e molti osservatori si aspettano che verrà scelto un rappresentante da uno stato dell’ex blocco orientale comunista.

Oltre ai due nomi slovacchi, anche l’ex presidente sloveno Danilo Türk e la bulgara Irina Bokova che ora dirige l’UNESCO sono tra i papabili. Pare però, scrive l’Economist, che a margine della recente conferenza internazionale sulla sicurezza Globsec tenutasi a Bratislava con decine di personalità da molti paesi del mondo, si siano citati proprio i nomi dei diplomatici slovacchi.

(Red, Fonte RSI)

Foto: in alto Jan Kubis (Foto unspecial.org), sotto Miroslav Lajcak (polandmfa@flick)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.