Dolce Vitaj 2014, di nuovo l’Italia protagonista in Slovacchia fino a luglio

Torna il festival italiano in Slovacchia, che tutti gli appassionati della cultura italiana in questo paese avranno presto l’occasione di godersi. Il Dolce Vitaj 2014, settima edizione della fortunata serie di eventi Made in Italy organizzati da Istituto Italiano di Cultura, Ambasciata d’Italia e Camera di Commercio Italo-Slovacca, vede un programma denso di appuntamenti, con concerti, mostre, eventi enogastronomici e tanto cinema del Belpaese. Il programma è stato presentato martedì con la presenza di tutte le istituzioni dell’Italia in Slovacchia in presenza di un nutrito pubblico di media culturali slovacchi.

L’Ambasciatore Roberto Martini ha sottolineato come questo sia un anno importante di celebrazioni per l’Italia e anche per la Slovacchia. Se la seconda celebra i 10 anni dall’ingresso in Ue e Nato, i 25 anni dalla Rivoluzione di velluto che le ha permesso di “ritornare” in Europa e la Presidenza annuale del gruppo V4 fra poche settimane, l’Italia avrà dal canto suo la Presidenza dell’Unione europea, il cui semestre inizia il 1° luglio prossimo, evento che sarà celebrato con un concerto apposito a Bratislava a chiusura del Dolce Vitaj. L’ambasciatore ci ha tenuto a ringraziare tutti coloro che hanno cooperato per la buona riuscita del festival, in particolare il Ministro della Cultura slovacco Madaric e il Sindaco di Bratislava Milan Ftacnik.

Secondo il direttore dell’Istituto Italiano di Cultura (IIC) Antonia Grande, questa settima edizione del festival celebra ancora una volta la felice cooperazione tra Italia e Slovacchia, e l’ottimo lavoro di squadra tra tutti gli attori del “sistema Italia” in Slovacchia, aiutati dal sostegno finanziario di aziende grandi e piccole senza il quale l’evento non sarebbe stato possibile. Antonia Grande ha sottolineato come il festival veda una grande presenza del cinema italiano, con i “ritratti da Oscar” di Lucia Gardin e il mini-festival cinematografico Cine Vitaj, proprio in un anno particolarmente fortunato per i film italiani: se “La Grande Bellezza” ha riportato all’Oscar un’Italia a digiuno da molti anni (dopo aver vinto altri importanti riconoscimenti come gli European Awards e i Golden Globe), proprio questa settimana una regista italiana, Alice Rohrwacher, ha vinto il Grand Prix a Cannes con il suo “Le Meraviglie”, prima volta di quel premio per una regista donna.

La soprano Cristina Ferri

L’apertura ufficiale del festival avverrà il 3 giugno nella Sala degli specchi del Palazzo del Primate di Bratislava con il concerto del soprano Cristina Ferri, accompagnata dal pianista Simone Marziali, con un programma selezionato di brani da note pagine liriche e della grande opera italiana. La giovane cantante senese intratterrà il pubblico facendoli mutare da ascoltatori passivi a partecipanti attivi della serata.

Sempre dal 3 giugno sarà aperta al pubblico una mostra fotografica dell’italo-slovacca Lucia Gardin (padre italiano e madre slovacca, la nota slovacchista Eva Rosenbaumova venuta a mancare di recente a Roma). Nell’ampio spazio di Sala Dvorana, presso la sede del Ministero della Cultura slovacco, fino al 20 giugno saranno esposti grandi „ritratti da Oscar“, un tema che ha reso nota la Gardin nell’ambiente fotografico internazionale e nel mondo del cinema per il modo originale con cui affronta il genere del ritratto. Tra i personaggi ritratti si possono notare Ennio Morricone, Gianfranco Rosi, Roman Polanski, Yoko Ono, Mickey Rourke, Ridley Scott e tanti altri.

Lucia Gardin, Omar Sharif (tutti i diritti dell’autore)

Una rassegna del cinema italiano denominata Cine Vitaj offre ben 13 film italiani contemporanei dal 5 al 8 giugno al cinema Kino Film Europe di Bratislava. Sei di questi nella loro prima distribuzionale in Slovacchia. In questo cinefestival i cinefili potranno trovare tra le altre le opere del vincitore del premio Oscar, Paolo Sorrentino, o quelle interpretati da Toni Servillo, oggi forse il più noto attore italiano anche all’estero. La rassegna Cine Vitaj si sposterà poi in altre undici località slovacche, con un vero e proprio tour dell’italian cinema. Tra i titoli, Le conseguenze dell’amore, Viva la libertà, Radio Alice, Sacro Gra, Un giorno perfetto, This must be the place, La grande bellezza, Black block e Diaz.

Quest’anno saranno accontentati anche i fan del genere nu-jazz, più o meno giovani, con un concerto del gruppo italiano Gabin nel corso del loro tour europeo. A Bratislava presenteranno l’ultimo album „Soundtrack System“ presso Design Factory il 13 giugno nel corso del Festival Zse Jazz Night 2014, del quale saranno il nome di punta. I Gabin sono tra i massimi esponenti di questo genere musicale, con diversi loro brani usati in colonne sonore e con prestigiose collaborazioni con artisti come Chris Cornell e altri.

Ai melomani è riservato il concerto Stradivari del 17 giugno, quando nel Duomo di San Martino i virtuosi slovacchi Dalibor KarvayPavel Bogacz jr.,  Peter Baran e il tredicenne Ferdinand Slezák, accompagnati dall’Orchestra Cameristica Sinfonietta di Bratislava, suoneranno preziosissimi strumenti italiani d’epoca (Stradivari, Amati, Amici, Ruggieri) del valore di milioni di euro, ha sottolineato la direttrice dell’IIC Antonia Grande. Proporranno brani di compositori del periodo barocco come Albinoni, Vivaldi e Paganini, ma anche di stranieri, antichi e moderni, come Zeljenka, Bach, Benda e Bartók.

Una mostra con un concept particolare è “Venti per una, venti regioni per una Italia, venti artisti per una mostra”, che si terrà a Zilina dal 1 luglio al 30 agosto, con un’opera di un artista per ogni regione dello Stivale per dare una panoramica dell’attuale scena artistica giovane italiana. La mostra è sostenuta dal Ministero degli Esteri italiano.

Oltre alla classica partecipazione italiana tra il 22 e 28 giugno al festival operistico di Zvolen, arrivato alla sua 41esima edizione, una occasione da sottolineare è il concerto del pianista e compositore Roberto Cacciapaglia, il 3 luglio alla Sala grande della Radio nazionale slovacca, in occasione dell’inizio della Presidenza italiana nell’Unione Europea. Cacciapaglia, grande innovatore della scena contemporanea italiana che da tempo dedica i suoi studi ai poteri magici del suono, arriva a Bratislava per la prima volta per presentare il suo ultimo lavoro discografico, Alphabet. Il concerto si svolge sotto il patrocinio del Ministro della cultura slovacco e del Sindaco di Bratislava.

Accanto a questi eventi culturali e artistici ve ne sono di altri meno “intellettuali” ma molto più… gustosi. Il segretario generale della Camera di Commercio Italo-Slovacca (CCIS) Giorgio Dovigi ha illustrato l’apporto della Camera con alcuni appuntamenti di promozione del Made in Italy soprattutto in campo enogastronomico.

Il 6 giugno nel centro storico di Bratislava sarà la festa del vino italiano. Vino Vitaj 2014 è ormai un appuntamento abituale del festival, con strade e piazze della capitale inondate da buon vino e altrettanto buona musica dal vivo. Quest’anno sono 15 i bar e ristoranti di Staré Mesto a servire selezionati vini italiani al prezzo speciale di 2 euro a calice. L’elenco dei locali aderenti si può vedere a questa pagina. Dalle ore 17:00 suoneranno i gruppi Robo Patejdl Band, Gli Amici di Pippo e Business Leaders Rock’n’roll Band, dove si esibirà anche un sassofonista tricolore di eccezione che molti italiani in Slovacchia conoscono bene.

Quanto alla gastronomia del nostro Paese, nei giorni della Festa dell’Incoronazione di Bratislava (rievocazione delle incoronazioni di re e regine d’Austria e Ungheria che si tenne per tre secoli e mezzo nella capitale slovacca) dal 20 al 22 giugno nelle strade di Bratislava si insedierà il Mercato Italiano. I visitatori avranno l’opportunità di acquistare i tipici  e autentici prodotti italiani delle Regioni Umbria, Toscana o Sicilia.

Infine a Poprad, dal 18 al 22 luglio, si terrà la seconda edizione di Viva Italia, un “festival dentro il festival” ai piedi degli Alti Tatra che prevede tre giorni di stand gastronomici, tre concerti (tra i quali i Ricchi e Poveri il 20 giugno), e una serata “Italian party”.

Per tutti gli eventi vedere al sito dedicato dolcevitaj.eu oppure sul sito dell’IIC. Nei prossimi giorni daremo conto di tutti eventi seguendo il calendario.

(La Redazione)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.