Ministero della Difesa: fermare le bombe a grappolo ha serie implicazioni finanziarie

Il Ministero della Difesa raccomanda che la Slovacchia prenda parte alla Convenzione internazionale sulle munizioni a grappolo, ma solo quando il Paese sarà in grado di rispettare gli impegni in essa contenuti, ha detto il portavoce del Ministero Richard Sumeghy. «Il divieto di produrre bombe a grappolo ha pesanti implicazioni finanziarie che devono essere adeguatamente prese in considerazione nel preparare la partecipazione alla Convenzione», ha detto Sumeghy. Secondo lui si tratterà di un processo graduale, come dalle dichiarazioni già fatte nell’Aprile scorso dall’allora Premier Robert Fico, che chiese ai Ministri della Difesa, dell’Economia e degli Esteri, di presentare una proposta di piano d’azione per una sessione di Governo entro il Giugno 2012.

Il Ministero della Difesa è in comunicazione con Amnesty International Slovensko. «Un recente invito rivolto da Amnesty International nel Luglio 2010 al Ministro della Difesa è oggetto di valutazioni all’interno del Ministero», ha sottolineato il portavoce.

Amnesty International aveva rilevato che la convenzione internazionale sulle munizioni a grappolo, entrata in vigore Domenica 1 Agosto, vieta produzione, stoccaggio, uso o trasferimento di munizioni cluster, e incentiva l’aiuto da fornire ai singoli e alle comunità vittime di tali armi.

Ben 107 paesi hanno firmato la convenzione dal 2008, compresi quasi tutti gli Stati membri dell’UE e della NATO. «Sebbene in quei paesi si celebra l’accordo che, salvando un numero immenso di vite, ora finalmente entra in funzione, in Slovacchia sono ancora in produzione queste munizioni disumane che causano lo stesso livello di sofferenza ai civili delle mine antiuomo», ha detto il coordinatore della campagna di Amnesty International, Martina Mazurova, aggiungendo che la Slovacchia è uno dei quattro Stati membri dell’UE che non hanno ancora firmato la Convenzione. La Mazurova invita il nuovo Governo a rivalutare questa posizione e a firmare.

Le bombe a grappolo sono costituite da diverse decine o centinaia di piccole bombe. Sono sganciate da un aereo o sparate dall’artiglieria e sono utilizzate principalmente per colpire bersagli diversi allo stesso tempo – spesso con decine di migliaia di bombe che esplodono in una zona relativamente piccola. Alcune delle bombe non esplodono, e per molto tempo rimangono una minaccia. Sono state utilizzate in conflitti come quelli in Iraq, Afghanistan, Vietnam, nei Balcani e nel sud del Libano.

(Fonte TASR)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google