In crescita il numero di suicidi in Slovacchia nel 2013

Sono stati 628 i suicidi in Slovacchia nel 2013, cifra in aumento di 57 unità, corrispondente a un incremento percentuale del 9,98%. Il Centro Nazionale di Informazione Medica (NCZI) ha dato l’annuncio giovedì, spiegando come il totale di suicidi riusciti lo scorso anno si sia approssimato pericolosamente al numero record segnato nel 2008, quando furono 631 le persone che decisero di togliersi la vita.

Nel complesso, nel 2013 sono stati 972 i tentativi di suicidio, ma si arriva a ben 1.600 casi se si includono anche le persone che si sono autoinflitte ferite o lesioni di varia natura, una quantità di poco superiore (di 11 casi) al 2012.

Il suicidio pare una pratica particolarmente maschile, dato che si sono uccise “appena” 84 donne, contro 544 uomini (86,6%). I due sessi più o meno si equivalgono, invece nei casi di tentato suicidio. A uccidersi sono soprattutto persone cinquantenni, (tra i 50 e i 59 anni), mentre i tentativi di suicidio sono più comuni nei gruppi più giovani, con il numero maggiore tra i trentenni (30-39 anni).

Sia gli uomini che le donne preferiscono uccidersi per impiccamento, ma per le seconde è comune anche buttarsi giù da posizioni alte (edifici, ponti, ecc.). Se i tentativi di suicidio da parte degli uomini sono più comuni con l’uso di oggetti appuntiti, le donne scelgono più spesso di imbottirsi di farmaci.

Il più alto tasso di suicidi nel 2013 è stato registrato nella regione di Banska Bystrica (110, il 17,5%) , mentre in quella di Trnava si sono uccise il minor numero di persone (61, il 9,7%). Per i tentati suicidi la regione con il più alto indice è stata quella di Bratislava (210, il 21,6%), mentre è vero il contrario nella Regione di Nitra (45, il 4,6%).

(Red)

Foto foodmatters.tv

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.