Sulik si accorda con Matovic e i suoi per la loro lealtà al Governo

I rappresentanti di ‘Obycajni Ludia‘ (OL – Ordinary People), la fazione di quattro deputati eletta nelle file di Libertà e Solidarietà (SaS), abbandoneranno i loro seggi se lasciano il gruppo parlamentare del partito SaS in questa legislatura, si legge in un accordo tra SaS e i quattro deputati, presentato ieri ai media in una conferenza stampa. Secondo il capo di ‘Obycajni Ludia‘ Igor Matovic, i quattro membri del suo gruppo hanno convenuto di questo in modo che nessuno possa mettere in dubbio il loro sostegno alla coalizione. «La stipula di accordi è di base di qualsiasi buona cooperazione. Ecco perché io, Richard Sulik, con l’approvazione del Primo Ministro Iveta Radicova, dichiaro che il programma si SaS sarà esteso con i punti del programma di ‘Obycajni Ludia‘ sui quali SaS è concorde», recita l’accordo. Sulik sostiene di aver fatto quanto in suo potere per promuovere le proposte di OL all’interno della Coalizione e che li sottoporrà alla prossima revisione del programma di Governo. «Questa promessa sostituisce l’accordo iniziale con OL che, purtroppo, non è stata mantenuta», ha detto Sulik.

Matovic ha detto poi che si rende conto che è piuttosto tardi fare cambiamenti al Manifesto del Governo, che oggi sarà presentato al Parlamento per l’approvazione, ma ci sarà una opportunità alla prima revisione. «Non vogliamo usare la mazza per schiacciare una noce» ha detto Matovic, «è nostra intenzione che la gente possa un giorno vedere che un uomo comune avrà lo stesso status di un politico. Se sarà quest’anno o il prossimo non è certo importante».

(Fonte TASR)

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google