Alimentazione insufficiente nei riformatori: la Procura generale lancia un’indagine

Dopo le accuse del Difensore civico Jana Dubovcova alla Commissione parlamentare per l’Istruzione, il Procuratore generale Jaromir Ciznar ha deciso di indagare sulla situazione dell’alimentazione dei minori nei riformatori del paese. La Dubovcova aveva mostrato come i fondi statali per le razioni alimentari giornaliere fornite ai bambini e ragazzi in carcere minorile sono del tutto insufficienti per un loro sano sviluppo in età adolescenziale.

Il Procuratore arebbe letto con attenzione la relazione dell’Ombudsman, e deciso sulla base di questo un’indagine per presunta violazione dei diritti umani e delle libertà fondamentali. In realtà il ruolo della Procura generale non è tanto di contenuto, quanto di forma, ovvero dovrà assicurare in particolare l’osservanza piena della legge nei confronti dell’alimentazione in queste strutture di sorveglianza per minori.

La Dubovcova aveva affermato che i bambini dei riformatori soffrono la fame, e per dimostrarlo ha fornito ad ognuno dei parlamentari della commissione un campione del menu del giorno somministrato nei carceri minorili. Oggi lo Stato paga una somma tra i 2,43 e i 2,87 euro per ogni bambino in età 11-15 anni, mentre l’indennità giornaliera per i giovani di età tra 15 e 19 anni è leggermente superiore, compresa tra 2,58 e 3,01 euro. Il Difensore civico ha chiesto che tale somma sia aumentata di un euro in entrambi i casi.

(Red)

Foto: frame da video Sme.sk

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.