Pravda: disoccupazione in Slovacchia, dopo i giovani ora sono più a rischio gli over 45

In un articolo dell’edizione di lunedì il quotidiano Pravda scriveva che il numero di disoccupati di età superiore ai 45 anni in Slovacchia, che si aggira sui 140 mila, ha ormai superato il numero dei disoccupati più giovani (quelli fino a 29 anni), di circa 20 mila unità. Questo significa che il governo dovrà mettere mano ora anche a misure per ridurre, dopo quella giovanile, anche la disoccupazione delle generazioni più anziane. Anche il Primo ministro Robert fico lo ha ammesso parlando in televisione nel fine settimana.

Al momento, scrive il giornale, il Ministero del Lavoro sta ancora valutando cosa fare per rafforzare la posizione di questo gruppo sul mercato del lavoro, stando però bene attento a non fare passi falsi che possano rivelarsi controproducenti. Secondo l’Unione repubblicana dei datori di lavoro (RUZ), una normativa che impedisca alle imprese di licenziare i lavoratori più anziani potrebbe ritorcersi contro di loro perché le aziende saranno ancora meno disposte ad assumere persone anziane.

La sociologa Monika Cambalikova dell’Accademia Slovacca delle Scienze (SAV) crede che la Slovacchia debba fare uso di fondi europei per sostenere l’occupazione degli anziani. Ma intanto, scrive il giornale in un altro articolo, correlato, le aziende hanno già iniziato a giustificare con motivazioni artefatte il licenziamento dei lavoratori di età più avanzata.

(Red)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.