La modella slovacca Kukučová acconsente all’estradizione in Spagna

La modella Mária Kukučová, sospettata dell’omicidio dell’uomo d’affari britannico ed ex fidanzato Andrew Bush, ha dato il consenso per la sua estradizione in Spagna, dove il delitto è stato compiuto all’inizio di aprile. Lo ha detto l’avvocato della donna Matus Gemes, spiegando così della sua rinuncia a presentare ricorso contro la decisione della Corte di Trencin per l’estradizione presa la scorsa settimana.

La 24enne Kukučová, che si è presentata spontaneamente alle autorità di polizia in Slovacchia l’8 aprile dopo tre giorni di latitanza, ha sostenuto di essere fuggita dalla Spagna perché si sentiva in pericolo. In particolare, avrebbe detto ai giudici di avere assistito a una scena di uomini in uniforme in visita presso la villa spagnola dell’ex partner e ricevere da lui del denaro. La donna afferma che la morte di Bush è avvenuta in una situazione diversa da quanto raccontato dai media. Quando il suo ex si è presentato alla villa, lei lo stava aspettando da giorni, dopo essersi intrufolata nella casa. Poi è scaturita una accesa discussione, e la nuova fidanzata dell’uomo, che aspettava fuori, ha sentito grida e alcuni spari. Ha poi visto la slovacca uscire di corsa e scappare con un’auto di proprietà di Bush. La Kukučová sostiene che Bush avrebbe reagito in modo furioso picchiando la donna con violenza, e quanto successo poi (la morte di lui) sarebbe il risultato di una legittima difesa.

Il suo avvocato ha tenuto a sottolineare che la Kukučová si è arresa in Slovacchia prima ancora (alcune ore prima) che fosse consegnato a polizia e procura slovacca il mandato d’arresto europeo a suo nome. In quel momento la donna era già in custodia cautelare.

Ora, secondo l’avvocato Gemes, il procuratore ha dieci giorni per decidere se dare seguito al mandato di arresto europeo, in quel caso non sarà più possibile alcun ricorso. Se trovata colpevole, la Kukučová potrebbe essere condannata fino a 20 anni di carcere.

(La Redazione)

Foto: Fonte facebook

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.