Italiani all’estero / IMU, ok emendamento Pd: abitazione italiani AIRE come prima casa

È stato approvato dalle commissioni Lavori pubblici e Ambiente del Senato col parere contrario del governo l’emendamento dei relatori Stefano Esposito e Franco Mirabelli, entrambi del Pd, al decreto casa per l’equiparazione a prima casa dell’abitazione posseduta dagli italiani residenti all’estero. Ora si attende la conferma dell’Aula di Palazzo Madama al testo che prevede l’aggiunta all’articolo 13 comma 2 del decreto-legge n. 201 del 2011, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 214 del 2011, del seguente periodo: “È considerata direttamente adibita ad abitazione principale l’unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (Aire), a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata o data in comodato d’uso”. Al punto due l’emendamento prevede che “sull’unità immobiliare di cui al comma 1, le imposte comunali Tari e Tasi sono applicate, per ciascun anno, in misura ridotta di due terzi” e al punto tre si legge che “alla copertura finanziaria degli oneri derivanti dalle diposizioni di cui al presente articolo, pari a 4 milioni di euro annui si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento del fondo speciale di parte corrente iscritto, ai fini del bilancio triennale 2014-2016, nell’ambito del programma ‘Fondi di riserva e speciali’ della missione ‘Fondi da ripartire’ dello stato di previsione del ministero dell’Economia e delle finanze per l’anno 2014”.

(Fonte NoveColonne ATG)

1 Commento

  1. Mi sa che in vista delle elezioni, non trscurano lo stesso vizio, quello di tentare di confondere le ideee altrui raccontando bugie, ca nesciuno e u fesso.
    I grillini devono stare attenti, hanno detto no agli italiani all’ estero, se e’ verita’ dovranno prepararsi a cantare, ADDIO SOGNI DI GLORIA, oppure se qualcuno hanno
    sritto falsita’ le pagheranno in forma negative doppia

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.