La grande fuga, tutti a Londra: +71% gli italiani nella capitale britannica

Nel 2013 gli emigrati under 40 cresciuti dell’81% – Nel 2013, il numero complessivo degli espatriati in Gran Bretagna è salito del 71%. Negli ultimi due anni, i’incremento di chi si è trasferito all’estero è cresciuto del 55%. La nuova meta è il Brasile.

Non si ferma la grande fuga degli italiani che si trasferiscono all’estero per lavoro. Secondo l’Aire (l’uffici del ministero degli Interni che registra i trasferimenti dei cittadini in altre nazioni), anche nel 2013 i flussi in uscita sono aumentati del 19 per cento, un dato che fa seguito all’incremento del 30 per cento comunicato nel 2012. Questo significa che in soli due anni, gli italiani che hanno varcato i confini sono cresciuti del 55 per cento: erano 61mila nel 2011 e ora sfioriamo i 100mila.

Ma il dato ancora più clamoroso del 2013 riguarda i giovani e l’Inghilterra. Sempre l’anno scorso, nella fascia di età compresa tra i 20 e i 40 anni è stato del 71% (mentre complessivamente è stato dell’81%). A rivelarlo è stata la trasmissione di Radio24 “Giovani Talenti” che si è procurata i dati ufficiali dell’Aire per il 2013. Con una prevalenza della fascia 20-30 anni (4.531 espatriati) su quella dei 30-40 anni (4.136).

Continua a leggere su Repubblica.it.

Approfondimento sui numeri: in Europa il 64% degli espatriati. Boom migranti da Lazio e Veneto. Un migrante su due è under 40. Leggi l’articolo del Sole 24 Ore

Foto Anirudh Koul@Flickr

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.