Min. Giustizia: condannati per reati minori staranno a casa con la cavigliera elettronica

In un articolo della scorsa settimana il quotidiano Pravda ha scritto di un nuovo contratto d’appalto che il Ministero della Giustizia slovacco avrebbe firmato con la società ICZ Slovakia per la fornitura di cavigliere elettroniche da fare indossare ai condannati come alternativa alle pene detentive. Il sistema dovrebbe entrare in uso a partire dal 2016, e permetterà a chi indossa tali dispositivi di spostarsi nel raggio di 300 metri dalla zona designata – in genere l’abitazione del condannato. Oltre tale distanza un allarme si attiverà presso le sedi designate delle forze dell’ordine.

Oggi, secondo il Ministro della Giustizia Tomas Borec, il costo a carico dello Stato per il “soggiorno” di un carcerato in una delle prigioni slovacche una un costo che raggiunge circa 14 mila euro. Con il controllo elettronico, invece, si potranno risparmiare anche due terzi di tale somma. Inoltre, la Slovacchia ha ottenuto finanziamenti europei per oltre 22 milioni di euro proprio come contributo per l’installazione del sistema.

Per di più, tra i vantaggi della cavigliera vi è la possibilità per i condannati di lavorare e guadagnarsi uno stipendio, e dunque di pagare le tasse, oltre che di poter stare con le proprie famiglie e dunque rendere superflue le misure di reintegrazione nella società civile a condanna trascorsa, con ulteriore risparmio per le casse statali.

(La Redazione)

Foto tjskl.org.cn

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.