Marco e la sua battaglia per riavere il figlio portato in Slovacchia dalla moglie

Su Vanity Fair troviamo la storia di Marco, marchigiano padre di un figlio che la moglie slovacca gli ha sottratto. Sono stati 204 in Italia i casi di figli contesi, si legge nell’articolo, e il caso di Marco è tra questi.

«Sono vittima di sottrazione di minori, come tanti genitori italiani, sia madri sia padri». La storia di Marco è quella di un matrimonio finito male e di una ex che si porta via loro figlio, nonostante l’opposizione del padre e i divieti della legge. Secondo gli ultimi dati disponibili nell’Unione europea vivono circa 16 milioni di coppie binazionali e ogni anno più di 310 mila coppie di nazionalità diversa si sposano: oltre la metà di questi matrimoni (circa 137 mila) si conclude con separazioni o divorzi a livello internazionale. Quando ci sono figli minori spesso nascono conflitti di competenze sulla custodia o il diritto di visita del bambino, fino ad arrivare a situazioni drammatiche.

«Ho conosciuto mia moglie a San Benedetto del Tronto nel 2005. Io ci vivo, lei è slovacca ed era venuta in vacanza. Ci siamo innamorati e un anno dopo ci siamo sposati. All’inizio andava tutto bene, eravamo felici. Tre anni dopo è rimasta incinta. In passato avevamo anche pensato di andare a vivere in Slovacchia, ma ci avevamo rinunciato per motivi economici. La situazione è precipitata durante la gravidanza. Lei voleva far nascere il bambino nella sua terra per essere più vicino alla madre e da lì in poi tutto è diventato più difficile»

Leggi l’articolo su Vanity Fair

 

Foto Lubs Mary@Flickr CC-BY-NC-SA -> Condividi allo stesso modo

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google