Risanamento dei conti, deficit slovacco sotto al 3% nel 2013

Il disavanzo pubblico della Repubblica Slovacca nel 2013 ha raggiunto il 2,77% del Prodotto interno lordo (PIL), un dato che rappresenta il miglior risultato da quando il Paese è entrato nella Zona Euro nel gennaio del 2009, e che è stato confermato da Eurostat l’altro giorno. La Slovacchia è dunque rientrata sotto il limite del 3% di deficit previsto dalle normative UE, ha scritto il quotidiano Hospodarske Noviny giovedì scorso, aggiungendo che il Ministero delle Finanze slovacco avrebbe atteso i dati definitivi delle statistiche nazionali, previsti uscire oggi.

Il rientro sotto il 3% vuol dire per la Slovacchia un bel sospiro di sollievo, dato che rischiava, in caso contrario, una multa da Bruxelles di 144 milioni di euro. Vuol anche dire che, come promesso dall’allora governo Radicova nel 2011, la cosa dovrebbe riflettersi sull’aliquota IVA, che in base alla legge passata allora per alzarla di un punto percentuale dovrebbe, una volta rientrati sotto il 3%, garantire il ritorno all’aliquota IVA standard del 19%, cosa che potrebbe avvenire nel 2015.

(Red)

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.