La Carta UE per i diritti fondamentali cresce di importanza

La quarta relazione annuale pubblicata ieri dalla Commissione Europea sull’applicazione della Carta dei diritti fondamentali dell’UE dimostra che l’importanza e risalto della Carta UE continua a salire: la Corte di giustizia dell’Unione Europea (CURIA) applica sempre la Carta nelle sue decisioni, mentre i giudici nazionali sono sempre più consapevoli dell’impatto della Carta e cercano di seguire l’orientamento della Corte di giustizia europea.

La Commissione Europea, da parte sua, ha progressivamente cercato di tenere alta l’attenzione sulla Carta intraprendendo azioni per promuovere e difendere i diritti dei cittadini dell’UE stabiliti nella Carta stessa. Dal 2010 la Commissione UE ha messo in atto una ‘lista di controllo dei diritti fondamentali’ e monitora allo scopo ogni proposta legislativa per garantire che sia “a prova dei diritti fondamentali”.

La relazione annuale sull’applicazione della Carta tiene traccia dei progressi compiuti e individua le sfide e preoccupazioni per il prossimo futuro, e pone i diritti fondamentali al centro di tutte le politiche dell’UE. Fornisce una panoramica dell’attuazione dei diritti fondamentali negli Stati membri nell’ultimo anno.

La Vicepresidente della Commissione UE Viviane Reding ha detto al proposito ieri: «Quasi quattro anni dopo aver presentato la sua  strategia sull’attuazione della Carta europea, la Commissione Europea è riuscita a sviluppare una vera cultura dei diritti fondamentali nelle istituzioni dell’UE. Sono lieta di vedere che ora la Carta è pienamente attiva e utile a servire come rete di sicurezza per i nostri cittadini, e come una bussola per le istituzioni dell’UE, degli Stati membri e dei tribunali nazionali».

(Fonte europa.eu)

Foto Wikimedia Commons

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.