R7, fissato il percorso in uscita da Bratislava, inizio lavori tra un anno e mezzo

La strada veloce a quattro corsie R7 è uno dei progetti a lungo atteso che dovrebbe migliorare e alleggerire il traffico nell’area sud-orientale della regione di Bratislava. In particolare a beneficiarne saranno le comunità di Podunajské Biskupice, sobborgo della capitale, Rovinka, Dunajská Lužná e Šamorín. Attualmente, i residenti che con le loro auto utilizzano il percorso della strada I/63, uno dei più battuti della capitale, si trovano imbottigliati in un ingorgo di più di 27 mila vetture giornaliere, un flusso che è degno della capacità di un’autostrada. La carreggiata, peraltro, ha parametri tecnici che non soddisfano l’attuale carico di transito, e questa è una delle ragioni essenziali per cui la R7 sarà decisamente benvenuta. E poi, rumore e degrado mettono in continuo pericolo le comunità che vivono ai bordi della vecchia strada, allargata qualche anno fa nel tratto alle porte di Bratislava, rendendo la situazione insostenibile.

Un passo fondamentale fatto in questi giorni per l’avvio dei lavori della R7 è stato l’ottenimento dell’approvazione dell’uso del suolo nel piano urbanistico, arrivato dopo dieci anni. I lavori potrebbero a questo punto iniziare verso la fine del 2015, secondo il governatore della Regione di Bratislava Pavol Freso, e dovrebbero durare un paio di anni. Ora il problema numero uno è il finanziamento dell’opera, e si sta aspettando di capire se il Ministero dei Trasporti otterrà i fondi per la costruzione.

A lungo si è discusso, per il primo tratto del percorso della R7 (Bratislava-Dunajská Lužná), di diverse varianti (A, B e C), ognuna delle quali con alcuni pro e contro dai punti di vista urbanistici e ambientali. Per il tratto, di circa 7 km (7.040 metri per la precisione), partirebbe dallo svincolo della futura D4, l’autostrada-tangenziale est di Bratislava, a sud della raffineria Slovnaft, e seguirebbe il percorso tracciato nel piano regolatore regionale con la cosiddetta Variante A (rossa), considerato l’itinerario ottimale, con il minore impatto ambientale in una zona di rispetto ambientale e di notevole importanza nella piana alluvionale danubiana, essendovi una zona protetta Natura 2000, zone di ripopolazione animale e un biocentro riconosciuto a livello locale, con uno stagno protetto. Inoltre, l’area cosiddetta “Zitny Ostrov”, compresa tra i due rami del Danubio (il corso principale e il cosiddetto Maly Dunaj che scorre più a nord) contiene la maggior riserva di acqua potabile dell’intera Europa centrale. Questo tratto dovrebbe includere due ponti per una lunghezza totale di 152 metri, e altri cinque ponti la dovrebbero scavalcare, per totali 356 metri. Solo il tratto rappresentato dalla Variante A, che, oltre ad essere stato scelto da città e regione divenne anche quello prescelto dal governo e dalla Società nazionale autostrade (NDS), ha un costo stimato di circa 225 milioni di euro.

La R7, il cui intero percorso porterà da Bratislava a Lučenec (regione di Banská Bystrica, dove si intersecherà con la D2 per raggiungere Košice) seguendo il tracciato della strada europea E575, avrà un costo globale di 1,5 miliardi, con spese maggiori del normale a causa delle attenzioni necessarie all’attraversamento delle aree protette.

La R7, insieme all’autostrada-tangenziale D4, porteranno un enorme alleggerimento del traffico in entrata e uscita da Bratislava. Il solo ponte Pristavny Most, dove oggi convoglia sia il traffico autostradale che quello cittadino, è gravato dal passaggio di ben 120 mila auto e mezzi pesanti ogni giorno, ma era stato progettato in origine per un carico di “appena” 50 mila mezzi…

(La Redazione)

2 comments to R7, fissato il percorso in uscita da Bratislava, inizio lavori tra un anno e mezzo

  • Sigmund Kripp

    E nessuno pensa ad un tram che possa collegare i sobborghi con la capitale! Anche con la superstrada rimarranno rumore e aria contaminata! Nessun progresso infatti.

  • @ntares

    E nel frattempo??
    Il traffico ha una crescita esponenziale e il tutto peggiorato dalla costruzione di case e quartieri abitativi, promuovendo la vicinanza “presunta” da Bratislava. Non mi sembra ci sia un controllo o un’aggiornamento/rinnovamento delle strutture esistenti. I mezzi pubblici per la capitale sono il bus, bloccato nel traffico anch’esso, e una linea ferroviaria che passa lontano dai centri principali e con poche proposte.
    R7 e tram/treno sono ben acettati in questa CRITICA situazione!!

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google