Ministro degli Esteri Lajcak: la NATO deve rispondere ai fatti in Ucraina

Nel corso della conferenza di primavera dei ministri degli esteri NATO a Bruxelles che è durata due giorni e si è conclusa ieri, la NATO martedì ha sospeso fino a revoca ogni forma di cooperazione pratica con la Russia, ad eccezione del dialogo politico, come forma di protesta contro l’annessione della Crimea. Ha inoltre ordinato misure di rafforzamento delle sue difese, con l’aumento della presenza militare sul confine orientale, per fornire rassicurazione e coprire in maniera completa i paesi dell’Europa orientale che si sentono minacciati dalla nuova attività di espansione russa, confermando così il principio di difesa collettiva vigente tra gli alleati NATO.

La cosa è stata confermata dal Ministro slovacco degli Affari Esteri Miroslav Lajcak che guidava la delegazione del suo Paese. «Gli eventi in Ucraina hanno profondamente cambiato le nostre idee su quello che dovrebbe essere il contenuto del vertice NATO a settembre», ha detto Lajcak. Lui è dell’idea che la NATO debba rispondere in maniera adeguata a questi cambiamenti epocali che stanno avvenendo nelle immediate vicinanze della frontiera slovacca.

Oltre all’Ucraina e alle relazioni con la Russia, al tavolo NATO si è discusso dell’operazione ISAF in Afghanistan e dei negoziati con la Georgia, alla quale si chiede di continuare nel processo di riforme verso la democratizzazione e verso un ulteriore cooperazione in vista di una eventuale integrazione del paese con l’UE, la cui adesione sarà valutata in una riunione UE di giugno. Lajcak ha detto che già dalla prossima settimana la Slovacchia offrirà alla Georgia assistenza nel suo cammino verso le strutture europee ed euro-atlantiche, e il suo prossimo viaggio a Tbilisi includerà l’apertura di una ambasciata slovacca nel paese caucasico.

Quanto all’Afghanistan, l’attuale operazione di ISAF dovrebbe concludersi nel dicembre 2014, e a partire dal 2015 la NATO schiererà una missione non combattente con lo scopo di formare e affiancare le forze di sicurezza afghane.

Nell’ambito dei due giorni, i capi della diplomazia transatlantica hanno ricordato ufficialmente anche l’anniversario decennale dell’ingresso nella NATO dei paesi dell’Europa centro orientale nel 2004, tra i quali la Slovacchia.

(La Redazione)

Foto eeas@flickr

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google