Presidenziali: sondaggi diversi con risultati diversi. In ogni caso Fico vince il primo turno

Prosegue la campagna elettorale per la presidenza della repubblica, e diversi sono i sondaggi che escono in questi giorni, ormai a ritmo sempre più ravvicinato. Tutti, in ogni caso danno vincente al primo turno il Premier Robert Fico, leader del maggior partito slovacco, il socialdemocratico Smer-SD, che ha presentato la sua candidatura con la firma unitaria di tutti gli 83 deputati Smer che siedono in Parlamento. Per vincere le elezioni al primo turno, che si terrà il 15 marzo, serve tuttavia la maggioranza dei voti (il 50% più uno), cosa che neppure Fico è in grado di raggiungere. Sarà dunque il ballottaggio tra i due candidati con il maggior numero di voti a decidere, come è sempre stato da quando nel 1999 fu introdotto il voto universale per eleggere il Presidente della Slovacchia. E qui non sarà cosa scontata la vittoria di Fico. È probabile che l’intera opposizione decida il sostenere il suo avversario al secondo turno, votando per il “meno peggio”.

L’ultimo sondaggio telefonico condotto dall’agenzia Median SK per la tv pubblica RTVS, reso noto domenica, dà il Primo ministro Robert Fico (Smer-SD) al 38,8% dei voti. Il primo degli altri 14 candidati al voto che si terrà il 15 marzo è l’indipendente Andrej Kiska, che ha ottento il 18,6% dei consensi degli intervistati. Segue al terzo posto Milan Kňažko, con il 12,9%, davanti a Radoslav Prochazka con il 9,9%, che si presentano pure entrambi come indipendenti. Solo il 5,7% degli slovacchi ha ammesso di voler votare per Pavol Hrusovsky, candidato dei tre principali partiti di centro-destra (KDH, SDKU-DS e Most-Hid), appena sopra al gradimento di Helena Mezenska, deputato di Gete Comune e Personalità Indipendenti (OLaNO), che avrebbe il 5,6%. Degli altri candidati, sorprende il risicato 1,9% per Jan Carnogursky, fondatore del Movimento Cristiano-Democratico (KDH) ed ex dissidente.

Un altro sondaggio, realizzato questa volta dall’agenzia MVK, conferma Robert Fico quale personalità dominante tra i 15 candidati in corsa; il 40,1% dei rispondenti ha detto che avrebbe votato per lui. Secondo nell’indagine MVK, e primo dei concorrenti, Radoslav Prochazka, che otterrebbe il 13,6%, quasi alla pari con Andrej Kiska che avrebbe il 13,2%. A seguire, Pavol Hrusovsky (KDH) con il 9%, Milan Knazko all’8,9%, Gyula Bardos (SMK) con il 6,6% dei voti e Jan Carnogursky, che qui arriva al 3,1%.

Un terzo sondaggio recente, condotto dall’agenzia Focus e pubblicato da Sme la scorsa settimana, dava sempre a Fico la vittoria al primo turno, e indicava che i candidati indipendenti Andrej Kiska e Milano Knazko erano i suoi più probabili avversari al ballottaggio. Il consenso per il Premier Fico era pari al 40%, un risultato paragonabile agli altri e simile alla popolarità del suo partito Smer nel Paese. Lo seguivano Kiska al 13% e Knazko all’11,8%. Pavol Hrusovky, candidato di Piattaforma popolare (KDH, SDKU e Most) risultava all’8,2% e il suo ex collega di partito (KDH), ora indipendente, Radoslav Procházka ha ottenuto il 7,7%.

Secondo l’analista di Focus Martin Slosiarik, i risultati indicano che al primo turno ogni singolo voto avrà la sua importanza, e ogni candidato si dovrà conquistare i propri elettori con le unghie. Tanto più che alcuni dei candidati sono “intercambiabili”, ovvero, dice Slosiarik, non hanno elettori stabili e non sono attivi in politica. Chi oggi dice che vuole votare per uno di loro può in realtà facilmente cambiare “cavallo” e votare per un altro.

(Red)

Foto: i 15 candidati in ordine alfabetico. Elaboraz.B.Slovacchia

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google