Gasparovic: nessun bisogno di aumentare i poteri del Presidente

In una intervista per il canale tv TA3 andata in onda ieri il Presidente Ivan Gasparovic ha rievocato e fatto una valutazione dei suoi due mandati da capo dello Stato (2004-2014). Ha parlato del suo rapporto con Vladimir Meciar (HZDS) del quale era sodale e che poi ha lasciato per creare un nuovo partito, HZD, che gli permise di candidarsi alle elezioni presidenziali del 2004 e vincere – proprio contro Meciar, allora al governo. Quanto al seguente esecutivo di centro destra, guidato da Mikulas Dzurinda (1998-2006), Gasparovic ha detto che la cooperazione tra governo e presidenza è stata ampia, e non ci sono stati particolari problemi. La necessità delle riforme era condivisa, e così era la politica estera (quella che portò il Paese a entrare nella Nato e nell’Unione Europea nel 2004).

Gasparovic ha poi definito un errore, o meglio un “passo sfortunato” la decisione di Robert Fico di entrare con il suo partito in una coalizione definita dai media di allora come “rosso-bruna” che vedeva alleati Smer-SD, HZDS e SNS. A causa di tale coalizione, i socialdemocratici di Smer furono esclusi per un breve periodo dal PSE, il Partito socialista europeo. L’esecutivo di Fico, ha chiosato il Presidente, ebbe scandali e il Premier dovette dimettere alcuni ministri. Sul breve governo di Iveta Radicova (2010-2012), Gasparovic ha detto che fu un grave errore della Radicova consentire al leader di Libertà e Solidarietà (SaS) Richard Sulik di andare a coprire la carica di Presidente del Parlamento. Sulik si è spesso dimostrato non in grado di gestirlo, ha detto.

Sui poteri effettivi del Presidente, Gasparovic ha detto che anche se il capo dello Stato viene scelto direttamente dal popolo in elezioni dirette a suffragio universale, lui è convinto che i suoi poteri non dovrebbero essere aumentati. Gli attuali poteri sono sufficienti, ha detto, magari solo una cosa potrebbe essere utile: conferirgli la facoltà di proporre leggi. Questo perché, ha detto, spesso né il governo né i parlamentari rispondono adeguatamente a determinate richieste dei cittadini.

Infine, sulle elezioni presidenziali che stanno entrando nel loro momento più caldo (il voto è previsto per il 15 marzo), Gasparovic ha spiegato che un candidato alla presidenza che non ha il sostegno di un forte partito politico che lo aiuti a realizzare il suo programma non ha alcuna possibilità di successo.

(La Redazione, Fonte Tasr)

Foto prezident.sk

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google