Ucraina: europeismo e democrazia non c’entrano niente. Basta con l’informazione a metà

Quanto accade in Ucraina è molto più complicato di come ce lo descrivono. Quelle che leggiamo sui giornali, compreso questo [East Journal, ma vale per qualunque media – ndr], o ascoltiamo nelle televisioni, sono spesso mezze verità. L’altra metà del vero è taciuta talvolta per interesse, tornaconto politico, presa di posizione ideologica oppure semplice buonafede. Non affermo che ci sia un ‘disegno’, una volontà di disinformare, ma affermo che l’informazione è incompleta per colpa o per dolo. Provo a dire l’altra parte della protesta ucraina mettendo però in chiaro un paio di punti: anzitutto non sono un sostenitore di Yanukovich, come non lo sono della Timoshenko, di Klitschko, o di chi per loro. Non sono un partigiano di questa o quella idea, non ho bandierine da sventolare. Non sono anti-niente né pro-qualcosa. Cerco di guardare alla complessità delle cose perché questo è fare il giornalista, secondo me.

L’europeismo non c’entra niente

Anzitutto: non è mai stata una protesta “europeista”. Le bandiere europee ci sono state solo i primi giorni, e hanno sventolato insieme a quelle dei partiti di opposizione e quelle rossobrune dei nazionalisti. L’europeismo era una componente, ma non maggioritaria. Le proteste non sono esplose dopo la mancata firma dell’accordo, erano cominciate in sordina già prima. La mancata firma dell’accordo di associazione ha fatto da detonatore e ha portato le telecamere senza le quali ogni protesta è vana. L’europeismo è funzionale agli interessi dei partiti di opposizione che cercano di legittimarsi agli occhi dell’occidente.

Un’opposizione incapace

Ma i partiti di opposizione non valgono una cicca. La Timoshenko, l’abbiamo detto più volte, non è poi così diversa da quelli che governano adesso: è un’oligarca che si è fatta i soldi ai tempi di Kuchma, quando i suoi appoggi politici sono venuti meno ha trovato conveniente diventare lei un politico. Certo, il suo arresto è un chiaro atto persecutorio, su questo non ci piove. Ma non facciamone un santino. Klitschko è un ex-pugile che piace alla gente, è fuori dalle logiche oligarchiche che regolano il paese ma non vale granché: è un ex-pugile, appunto. E poi ci sono i nazionalisti di Svoboda. Ora sono loro “la piazza”.

L’estrema destra è la piazza

C’è stato un evento simbolico, che ha fatto da spartiacque: l’abbattimento della statua di Lenin a Kiev. Ha alzato il livello della protesta, ha rimarcato la divisione fra “pacifici” e “organizzati”. Questi ultimi hanno progressivamente preso il sopravvento emarginando la gente comune. Quella che abbiamo chiamato “la protesta del nazionalismo civico” è morta. Alzare il livello di scontro è servito a dare a Yanukovich il pretesto per la repressione. Se Yanukovich non avesse nemici così, dovrebbe inventarli. Non è la violenza il problema, quale diritto si conquista con la pace? Ma è chi esercita la violenza e il fine per cui lo fa.

Ora la “Euromaidan” è un campo di battaglia. Nessuno dei partiti di opposizione ci va più. Ci sono quelli di Pravy Sektor (“Settore di destra”) a coordinare le violenze. Le bandiere rossobrune dell’ultranzionalismo ucraino tuttavia non mancano. Il quotidiano britannico The Guardian ha intervistato Andriy Tarasenko, uno dei leader del movimento, che ha dichiarato: “L’ingresso nell’Unione Europea, per l’Ucraina, sarebbe la morte. E significherebbe la morte della cristianità. Noi non lo vogliamo. Noi vogliamo un’Ucraina guidata da ucraini e non serva degli interessi altrui” Quello che Pravy Sector persegue è una “rivoluzione nazionale”. Sì, ma di quale nazione?

Una protesta di alcuni, non di tutti

Altro mito da sfatare è infatti che in piazza ci sia “tutto il paese”. C’era, prima che tutto degenerasse nel caos, solo quella parte di Ucraina che guarda a ovest, erede della cultura mittleuropea che in città come Leopoli ha uno dei suoi migliori esempi, e che parla ucraino. L’altra metà, quella russofona e ortodossa, guarda a Mosca come è ovvio che faccia e, per quanto possa non apprezzare la politica di Yanukovich (che obiettivamente non piace più nemmeno a chi lo ha votato) la preferisce di gran lunga a quella dei nazionalisti da cui si sentono minacciati.

L’ipocrisia dell’Europa

Certo, molta Ucraina è rappresentata da queste proteste, ma non si tratta di una “rivolta popolare” contro un dittatore. Yanukovich è stato votato. E se mette in campo leggi restrittive è perché il centro di Kiev è stato dato alle fiamme. Non mi sembra che i metodi, nel civile occidente, siano stati migliori (qualcuno ricorda la caserma Diaz?). Il motivo per cui va combattuto è che è espressione di un gruppo di potere politico-criminale (il clan di Donetsk) che sta occupando tutti i settori chiave del potere economico con metodi intimidatori e mafiosi. Ma se il mafioso Yanukovich avesse firmato l’accordo nessuno, in Europa, lo avrebbe criticato per i suoi metodi. Non possiamo essere ipocriti su questo.

L’Ucraina è un campo di battaglia, e la Russia di Putin non la mollerà mai. Nè il gruppo di Donetsk lascerà facilmente il potere: Yanukovich è per loro un fantoccio, nel caso si può sostituire. L’Unione Europea è un club economico-finanziario in crisi che tuttavia vede nel paese la possibilità di ottenere una posizione di vantaggio nella “guerra del gas” con la Russia. Per i leader europei l’Ucraina è una pedina tanto quanto lo è per Mosca. La democrazia non c’entra niente. C’entra la realpolitik. E alla luce della realpolitik dovremmo guardare le vicende ucraine. Lontano dalla polvere dell’agone in cui si sfidano le parti. La protesta, fino alla sua fatale deriva, godeva della simpatia di chi scrive. E’ gente che non ne può più e che sarebbe ben contenta di farsi uno statarello tutto suo, in Galizia e dintorni. Ma la simpatia per la causa non deve renderci complici di una truffa.

Conclusione (autocritica)

La giusta distanza dai fatti ucraini richiede la critica di tutte le parti in causa: l’ipocrita Europa, la feroce Russia, l’autoritario potere di Kiev, la barbarie dei nazionalisti, l’opportunismo delle opposizioni. Questo significa informare, questo significa essere onesti con i lettori. Chi informa può sbagliare, può anche innamorarsi di un’idea (siamo persone) ma non deve lasciare che ciò in cui crede lo accechi. Ciò in cui crediamo deve essere la prima vittima del nostro bisturi.

 (Matteo Zola, via Eastjournal.net)

Approfondimento: Storia del nazionalismo in Ucraina – Limes (17/01/2014)

Foto: fiori per vittima scontri (spoilt.exile@flickr), CC-BY-SA Condividi allo stesso modo

 

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

  

  

  

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

ARCHIVIO

Dal diario di una piccola comunista

pubblicità google