Cibulkova da record in Australia: è la prima slovacca a una finale di Grand Slam

Il quotidiano economico Hospodarske Noviny ha dedicato allo sport ben cinque pagine dell’edizione odierna. In particolare, il giornale si sofferma su un personaggio soltanto, quello che viene definito “fenomeno Cibulkova”, e pubblica una lunga intervista alla tennista Dominika Cibulkova, che sabato si gioca la sua prima finale di un torneo Grand Slam, l’Australian Open. La Cibulkova, 24 anni e numero 24 del tabellone mondiale WTA, affronterà la cinese Li Na (alla sua terza finale australiana) che è attualmente al quarto posto nel mondo. Se per la slovacca si tratta dell’occasione di una vita, per la cinese è invece l’opportunità di consacrarsi ad alto livello.

La Cibulkova ha già sorpreso molto arrivando fin qui, travolgendo la polacca Radwanska per 6-1 6-2 – che le aveva fatto il favore di eliminare l’Azarenka, numero 2 del mondo – ed eliminato agli ottavi Maria Sharapova, numero 3. Ora, sul cemento di Melbourne Park, dovrà dare tutto ciò che ha nella gara finale e dimostrare di valere davvero. Nell’intervista, la slovacca osserva che il suo successo in Australia può essere attribuito alla sua intensiva preparazione invernale, che oltre a curarsi delle capacità fisiche e tecniche della giocatrice ha anche puntato sul “potere mentale”, cercando di aiutare Dominika ad essere «più resistente [alla pressione]. E posso dire che ora sono una tennista più matura», ha detto nell’intervista.

A prescindere dal risultato del match di domani, quel che è certo è che la Cibulkova salirà di parecchie posizioni nella tabella mondiale, anche fino al 13esimo posto, osserva il giornale. Il che aumenterà di molto le attenzioni degli sponsor, e Dominika sembra ben consapevole che «il suo prezzo salirà». In ogni caso, ha detto la tennista, è troppo presto per fare stime. Quanto a sabato, lei ha detto che dovrà partire concentrata e «mi batterò per ogni singola palla. [Questo] È il top della mia carriera».

La Cibulkova è a questo punto anche la prima tennista slovacca ad arrivare a giocarsi una finale di un torneo Slam. La collega Daniela Hantuchova, sempre all’Austrialian Open, nel 2008 si era fermata alle semifinali.

Secondo un articolo di Repubblica di ieri, «la finale del primo Slam della stagione, comunque vada a finire, regala una novità: il comune denominatore non è la potenza delle protagoniste in campo, ma la strategia e l’intelligenza tattica di due giocatrici dal fisico nella media. Anzi meno, visto che la Cibulkova è la più bassa tra le prime 50 giocatrici del ranking mondiale, alta appena 159 centimetri, più bassa anche della nostra Sara Errani. In un circuito di amazzoni tutte muscoli non è novità da poco…».

(Red, fonte Hospodarske Noviny)

Foto: Dominika Cibulkova dalla sua pagina Facebook

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google