Trasporti: novità dal 2014 per i pedaggi in Repubblica Slovacca

Dal 1° gennaio 2014 sono entrate in vigore in Slovacchia alcune novità sul pedaggio per i mezzi pesanti. È stata rivista la rete stradale soggetta a pedaggio, con l’estensione a un certo numero di tratte stradali di strade di prima, seconda e terza classe (oltre ad autostrade e superstrade) per ulteriori 234 chilometri. Il pedaggio è aumentato per i veicoli delle classi Euro più inquinanti, mentre è diminuito per quelli più ecologici, anche rispetto al tipo di strada su cui si transita, equiparando alle autostrade le strade parallele (questo per evitare che i conducenti scelgano queste ultime per evitare il pagamento del pedaggio, andando del resto a pesare sul traffico locale).

Sono poi stati stabiliti degli sconti sui pedaggi e sui chilometri percorsi su singole tratte da un solo veicolo, allo stesso tempo inasprendo i controlli contro le inadempienze e le verifiche della responsabilità oggettiva degli operatori obbligati al pedaggio. È stato anche istituito un registro centrale dei reati e illeciti amministrativi per una gestione più efficiente ed economica delle specifiche violazioni del pedaggio.

Tutti i mezzi di stazza superiore ai 35 ql hanno l’obbligo di munirsi del dispositivo elettronico Obu, da installarsi sul veicolo, per il corretto calcolo del pedaggio. Il pedaggio, calcolato in base a chilometri percorsi, categoria del veicolo, peso, numero assi, classe Euro, tipo di strada percorsa, si può versare con il sistema prepagato o con fattura riepilogativa attraverso il servizio di riscossione nazionale Myto gestito dalla concessionaria Sky Toll. Il dispositivo Obu (On Board Unit) si può ottenere presso i centri dedicati Myto (vedi per maggiori info).

(La Redazione, fonte trasporti-italia.com)

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

agosto: 2017
L M M G V S D
« Lug    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

ARCHIVIO

pubblicità google