Sussidi a piccole imprese: 80 milioni di euro a beneficiari che li hanno spesi per sé stessi

Secondo un articolo nell’edizione di oggi di Hospodarske Noviny, parecchie persone avrebbero aperto un’attività di micro o piccola impresa con un contributo dello Stato, spendendo però i soldi per se stessi. Il Centro per il Lavoro, gli Affari Sociali e la Famiglia (UPSVaR), organizzazione statale che gestisce gli uffici di collocamento distrettuali, avrebbe scoperto ben 14.000 casi del genere, per una somma totale stimata in circa 80 milioni di euro.

Il giornale cita l’esempio di un disoccupato di Hlohovec (regione di Trnava), che ha aperto una nuova attività di carpenteria, per la quale ha presentato un business plan e ottenuto 3 mila euro di sussidio, ma che invece di utilizzare il denaro per l’acquisto di attrezzature o l’affitto dei locali lo ha impiegato per acquisti personali, inclusa una nuova bicicletta.

Secondo gli esperti, il problema risiede nella carenza di vigilanza e nella mancanza dell’obbligo di documentare l’utilizzo dei fondi concessi. Gli uffici poi, secondo l’articolo, chiuderebbero un occhio su certe situazioni, e la prolungata crisi economica sta aguzzando l’ingegno di molte persone a cercare nuovi modi di fare soldi. Si ritiene inoltre inutile, da parte dello Stato, cercare di recuperare le somme perché in genere i beneficiari non hanno risorse con cui rimborsare il maltolto.

(Red)

Foto Tax-Credits/flickr

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

ARCHIVIO

pubblicità google