Nuova centrale a Bohunice: chiusi i colloqui con Rosatom, i russi chiedono troppo

I negoziati tra il governo slovacco e la società russa Rosatom sul suo possibile ingresso nel progetto della costruzione di una nuova centrale nucleare a Jaslovske Bohunice sono stati interrotti, almeno per ora, come ha ammesso a fine anno il Ministro dell’Economia Tomas Malatinsky. Lo Stato ha lasciato le trattative per l’impossibilità di soddisfare le onerose richieste di Rosatom. Malatinsky non esclude che in futuro non si possa tornare al tavolo con i russi, nel caso le condizioni cambino. Rosatom chiedeva una garanzia sui prezzi di acquisto dell’energia elettrica prodotta nel nuovo impianto.

La costruzione della centrale nucleare, che si andrebbe ad affiancare a quella ora in funzione nello stesso sito e a quella di Mochovce (in attesa del suo raddoppio previsto in un paio di anni), sarebbe presumibilmente potuta iniziare nel 2021, con un costo stimato tra i 4 e i 6 miliardi di euro e il test finale dei reattori previsto per il 2025. Stanno intanto proseguendo i lavori di preparazione, e il consorzio JESS ha finalizzato il processo di selezione del soggetto che fornirà lo studio di Valutazione di impatto ambientale, che è stato assegnato alla società Amec. Nel frattempo, sono stati acquisiti in gran parte i terreni che dovranno ospitare i due nuovi reattori.

(Fonte webnoviny.sk)

Foto ttstudio.sk

Rispondi

 SKG Auto & Tir Services s.r.o.

Vai al sito

news giorno x giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

ARCHIVIO

pubblicità google